Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa S. Bernardetta Soubirous

Date rapide

Oggi: 18 febbraio

Ieri: 17 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'AmalfiAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'AmalfiAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi

Amalfi News

Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'AmalfiAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi

Tu sei qui: Storia e Storie

Storia e Storie

<<<123456>>>

SANT’ANDREA APOSTOLO, PATRONO DI AMALFI DA “PESCATORE DI GALILEA” A “PESCATORE DI UOMINI”

Scritto da (admin), martedì 27 giugno 2017 09:13:25

Ultimo aggiornamento martedì 27 giugno 2017 09:13:25

SANT’ANDREA APOSTOLO, PATRONO DI AMALFI DA “PESCATORE DI GALILEA” A “PESCATORE DI UOMINI”

© Sigismondo Nastri Andrea, nato a Bethsaida, fratello di Pietro, è definito "l’apostolo dei Greci". La sua predicazione, come quella degli altri discepoli di Gesù Cristo, prese il via proprio dopo la Pentecoste e si rivolse alla Scizia, la regione posta fra il Danubio e il Don. Fu così che il pescatore di Galilea, definito il "Protocleto" (primo chiamato), diventò "pescatore di uomini". «Dopo essere restato con Gesù...

E' morto oggi Don Catello Coppola

Carissimo Don Catello: il ricordo di Sigismondo Nastri

la storia ripercorsa del decano giornalista della Costa d'Amalfi

Scritto da (admin), domenica 23 aprile 2017 17:42:02

Ultimo aggiornamento domenica 23 aprile 2017 17:43:32

Carissimo Don Catello: il ricordo di Sigismondo Nastri

E' morto questa mattina a Tramonti, nella sua Figlino, dove si era ritirato a causa dell'età e degli acciacchi, don Catello Coppola. La notizia l'ho letta su Facebook e mi ha profondamente addolorato. Canonico della Cattedrale di Amalfi, era stato rettore della Chiesa di S. Benedetto, sempre ad Amalfi, e poi, per molti anni, parroco della Collegiata di S. Maria Maddalena ad Atrani. Don Catello Coppola (junior, quando...

Nuovi tesori scoperti in Costiera Amalfitana

Villa Rufolo, nuovi ritrovamenti sul Belvedere

Lo splendido scrigno, simbolo di Ravello e della Costa d'Amalfi, regala nuove tracce del suo grande passato

Scritto da (admin), domenica 29 gennaio 2017 10:32:04

Ultimo aggiornamento domenica 29 gennaio 2017 10:39:54

Villa Rufolo, nuovi ritrovamenti sul Belvedere

Villa Rufolo si conferma ancora una volta scrigno di sorprese e misteri che aspettano solo di essere svelati. Dopo i tanti ritrovamenti che si sono succeduti nel corso di questi anni: ambienti interrati, cisterne, fregi, reperti, stavolta è il Belvedere a restituire un altro pezzo di quell'avvincente puzzle che è la storia del monumento simbolo di Ravello. Durante i lavori di pulitura delle ultime due colonne che chiudono...

dal 2012 un articolo ancora attuale

La cultura come "volano economico e identità di un popolo"

Scritto da (admin), lunedì 16 gennaio 2017 19:42:06

Ultimo aggiornamento lunedì 16 gennaio 2017 19:42:06

La cultura come "volano economico e identità di un popolo"

di Sigismondo Nastri (Mondosigi.com, 9 novembre 2012) LA CULTURA È "VOLANO ECONOMICO E IDENTITÀ DI UN POPOLO", MA NON TUTTI SE NE RENDONO CONTO Sul Corriere della sera di giovedì 1 novembre, nella pagina Eventi, c’è un servizio di Marco Gasperetti, che, partendo dalla seconda edizione di Florens 2012, Biennale internazionale dei beni culturali e ambientali, che si tiene a Firenze dal 3 all’11 novembre, affronta il problema...

Costiera Amalfitana, Gourmet, Sanguinaccio, piatti storici, dolci della tradizione

Cucina Paesana della Costa d'Amalfi: Il Sanguinaccio

il dolce che non c'è più con l'antica ricetta di Gabriele Pansa

Scritto da (admin), lunedì 16 gennaio 2017 18:31:06

Ultimo aggiornamento mercoledì 5 dicembre 2018 22:29:23

Cucina Paesana della Costa d'Amalfi: Il Sanguinaccio

di Sigismondo Nastri (Mondosigi.com, 2 febbraio 2008) L'altro giorno, in occasione della festa di sant'Andrea apostolo, patrono di Amalfi, ho postato alcuni proverbi legati alla ricorrenza. Uno di questi recita: "Da Sant'Andrea, del maiale venticinque giorni a Natale". Un destino, quindi, già scritto. Del suino, si dice, si utilizza tutto, ed è vero. Anche il sangue che viene raccolto coagulato. Lo si consuma in genere...

<<<123456>>>

Pasticceria Gambardella a Minori, da oggi le specialità della famosa pasticceria minorese sono acquistabili anche on lineAntica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana