Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury HotelPasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Sunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: GourmetIl Ristorante “Dei Cappuccini” al Convento di Amalfi: l’esaltazione dei sapori tipici tra innovazione ed estasi dei sensi

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Gourmet

Amalfi, costiera amalfitana, gourmet, Anantara, Convento

Il Ristorante “Dei Cappuccini” al Convento di Amalfi: l’esaltazione dei sapori tipici tra innovazione ed estasi dei sensi

Sedersi ai tavoli del Cappuccini e abbandonarsi alla cucina di Chef Claudio Lanuto è un’esperienza da provare almeno una volta nella vita: un modo per staccare dai problemi quotidiani e dedicarsi qualche ora di puro relax, concedendosi di abbandonarsi al fascino della storia, alla maestosità della tradizione e alla magia indescrivibile di Amalfi

Inserito da (PNo Editorial Board), venerdì 8 settembre 2023 19:55:09

Di Maria Abate

 

Magia, tradizione e innovazione. Sono queste le prime tre parole che mi vengono in mente quando penso al Ristorante "Dei Cappuccini" dell'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel, che il direttore Giacomo Sarnataro apre agli ospiti con la cordialità di un padre di famiglia.

Magia perché in qualsiasi angolo ci si sente avvolti dal panorama di Amalfi, che predomina maestoso: che ci sia il cielo limpido di una giornata di sole, la sfumatura rosa-arancio del tramonto o il buio della notte intarsiato di stelle non c'è limite all'incanto.

Tradizione perché camminando sulla "Passeggiata dei monaci" ti sembra di calcare i loro stessi passi, facendo un salto indietro al XIII secolo, in piena contemplazione delle bellezze del creato. E sedersi a tavola diventa un momento di immersione nel territorio: c'è la convivialità del pane spezzato, ci sono i prodotti tipici a km 0 (molti coltivati nell'Orto del Convento), ci sono i ricordi di bambino.

Innovazione perché chef Claudio Lanuto esalta i sapori mediterranei con creazioni gourmet che richiedono tante lavorazioni, tra sperimentazione di nuovi accostamenti e bilanciamento di consistenze, ma che in bocca sprigionano la genuinità tipica dei piatti della cucina italiana.

Ieri sera, per poter vivere pienamente l'esperienza sensoriale attraverso lo Chef vuole condurre i commensali, ho deciso di affidarmi al menù degustazione "La Grande Bellezza". Ma prima ancora di iniziare si è svolto davanti ai miei occhi incantati un vero e proprio rituale: l'esaltazione del pane, simbolo dell'agire dell'uomo in armonia con la natura, simbolo cristiano per eccellenza. Come i monaci condividevano il pane, così i commensali possono attingere dallo stesso piatto un lievitato al grano saraceno diviso in quattro. E poi ci sono i grissini da intingere nell'olio, così come i monaci amanuensi intingevano le penne nel calamaio per trascrivere i codici sacri.

E così è arrivato uno sfiziosissimo entrée al grana, seguito da un sashimi di anguria con burrata, mandorle e fiori di zucca: due fuori menu che già mi hanno fatto presagire un assaggio di ciò che sarebbe seguito: giochi di consistenze, accostamenti inaspettati ed esplosioni di sapori.

Definire "spettacolare" l'antipasto è poco: una tartare di ricciola "Dei Li Galli", con puntarelle, bottarga e spuma all'olio di oliva. Al palato arriva subito l'acidità del pomodorino, stemperata dal fruttato dell'olio d'oliva e dalla delicata freschezza della ricciola... A dare consistenza e sapidità il croccante adagiato in cima.

Del primo piatto mi sono letteralmente innamorata: lo Spaghettone di Gragnano era cotto al dente, proprio come dovrebbe essere, la salsa al limone mi ha riportata alla mente l'aroma che si respirava quando insieme ai nonni raccoglievo i limoni dai rami più bassi. L'oro giallo della Costiera era chiaramente percepibile, ma al contempo andava a nozze con i totani alla brace e il nero di seppia sul fondo del piatto.

Soffice e gustoso il merluzzo di coffa in oliocottura, in un piacevole contrasto con la compattezza del topinambur. Anche stavolta ogni singolo ingrediente non perdeva la propria individualità, mentre si armonizzava con gli altri in un tripudio di sapori.

Dal mare alla terra il passaggio non è stato brusco: il quadrato di guancia di maialino cotta a bassa temperatura mi è sembrato quanto di più raffinato potessi mangiare. Il gusto intenso e speziato si contrapponeva alla morbidezza inaspettata della carne. Tra un boccone e l'altro i ciuffetti di mousse allo Sfusato Amalfitano rinfrescavano il palato per prepararlo a un nuovo assaggio.

La serata è trascorsa piacevolmente, tra le inaspettate scoperte gastronomiche e la professionalità cordiale dello staff, che coccola i visitatori per fare in modo che possano essere pienamente a proprio agio.

Alla fine della cena ho scambiato una piacevole chiacchierata con lo chef Claudio Lanuto, al quale ho augurato traguardi sempre più ambiziosi. E ad ogni complimento ho letto nei suoi occhi tutta l'umiltà con cui si approccia al suo lavoro. Mi ha detto che la cucina è per lui una continua sfida, con l'obiettivo di far provare agli ospiti esperienze inaspettate e, allo stesso tempo, farli sentire veramente immersi nel territorio con l'esaltazione dei prodotti tipici. E ciò che le sue parole dicevano, l'ho ritrovato interamente nei piatti, segno che il suo è un lavoro che non finisce mai, un continuo arrivare alle sfide prefissate e volerle nuovamente superare.

A proposito di valorizzazione dei prodotti e della storia del territorio, chef Lanuto ripropone una ricetta antica, seppur innovandola, che le cronache narrano sia nata ad Amalfi: il Cannellone del Convento. Quello dello chef è ripieno di parmigiana di melanzane, perle di basilico e coulis di datterini per accontentare anche i gusti di chi non mangia carne. Ma Gaetano Afeltra narra che la pasta cilindrica fosse originariamente imbottita con carne macinata, ricotta e fior di latte, proprio come siamo abituati a mangiarla. E che nell'agosto del 1924, lo chef dei Cappuccini deliziò talmente il proprietario dell'albergo, Don Alfredo Vozzi, da ordinare che le campane della Chiesa del Convento suonassero a festa.

Sedersi ai tavoli del Cappuccini è un'esperienza da provare almeno una volta nella vita: un modo per staccare dai problemi quotidiani e dedicarsi qualche ora di puro relax, concedendosi di abbandonarsi al fascino della storia, alla maestosità della tradizione e alla magia indescrivibile di Amalfi.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Chef Claudio Lanuto<br />&copy; Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel Chef Claudio Lanuto © Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel
Scampi, lardo e zucca<br />&copy; Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel Scampi, lardo e zucca © Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel
Ristorante Dei Cappuccini<br />&copy; Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel Ristorante Dei Cappuccini © Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel
Bavarese di limone Sfusato Amalfitano, fragole e basilico<br />&copy; Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel Bavarese di limone Sfusato Amalfitano, fragole e basilico © Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel
Esaltazione del pane<br />&copy; Maria Abate Esaltazione del pane © Maria Abate
Sashimi di anguria con burrata<br />&copy; Maria Abate Sashimi di anguria con burrata © Maria Abate
Spaghettone di Gragnano con salsa al limone<br />&copy; Maria Abate Spaghettone di Gragnano con salsa al limone © Maria Abate
Tartare di ricciola Dei Li Galli, con puntarelle, bottarga e spuma all'olio di oliva<br />&copy; Maria Abate Tartare di ricciola Dei Li Galli, con puntarelle, bottarga e spuma all'olio di oliva © Maria Abate
Merluzzo<br />&copy; Maria Abate Merluzzo © Maria Abate
Guancia di maialino<br />&copy; Maria Abate Guancia di maialino © Maria Abate
Tortelli fatti in casa<br />&copy; Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel Tortelli fatti in casa © Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel
Tiramisù<br />&copy; Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel Tiramisù © Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel
Panorama dall'Anantara<br />&copy; Maria Abate Panorama dall'Anantara © Maria Abate

rank: 101044101

Gourmet

Cena a 4 mani al ristorante Dei Cappuccini di Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel

Un evento culinario eccezionale avrà luogo il 2 e 3 agosto 2024 all'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel, presso il ristorante Dei Cappuccini, situato in una location d'eccezione, sulla terrazza all'aperto dell'ex convento risalente al XIII secolo, con vista mozzafiato sul mare. Due "cene a quattro...

Sapori autentici e atmosfera familiare: la Pizza ad Amalfi è firmata Carlo Fiamma /FOTO

Un evento cinematografico di famiglia può trasformarsi in un'avventura culinaria memorabile, come abbiamo scoperto ieri sera ad Amalfi, dove, oltre alla premiere di "Inside Out 2", abbiamo avuto il piacere di gustare la pizza del nostro amico Carlo Fiamma. Conosciuto per il suo impasto ad alta idratazione...

Papa Francesco deliziato dai dolci della Costiera Amalfitana: Andrea e Nicola Pansa gli regalano il libro sulla storia della Pasticceria /VIDEO

Di Maria Abate «Duecento anni di storia in un libro non valgono un onore come questo che stiamo per ricevere». Con queste parole, e con gli occhi lucidi per l'emozione, ieri i fratelli Andrea e Nicola Pansa hanno regalato a Papa Francesco il loro libro "Una dolce storia dal 1830". Si tratta di un libro...

Amalfi: dal 18 maggio alla Pasticceria Pansa arriva lo “Scugnizzo Campano”, realizzato in team con altri maestri APEI

"Scugnizzo Campano" è l'originale nome attribuito a un dolce unico, che da domani, sabato 18 maggio, sarà disponibile nella storica Pasticceria Pansa, in piazza Duomo, ad Amalfi. Cinquantacinque grammi di pura bontà: si tratta di una frolla allo zucchero di canna e vaniglia, con cake alla vaniglia profumato...

Sal De Riso porta la Costiera Amalfitana al Wine Love Week End di Terni

Ci sarà anche un po' di Costiera Amalfitana al Wine Love Week End, che si terrà a Terni dal 17 al 19 maggio 2024. Per tre giorni, la città di San Valentino si trasformerà in un centro di degustazioni, incontri ed eventi che coinvolgeranno gli amanti del vino in un viaggio alla scoperta delle migliori...