Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa S. Albino vescovo

Date rapide

Oggi: 1 marzo

Ieri: 29 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Small Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAOfferta Granato Caffè a cialde con macchina FrogHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Storia e StorieQuando a Ravello arrivò Greta Garbo

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Storia e Storie

Ravello, costiera amalfitana, Greta Garbo

Quando a Ravello arrivò Greta Garbo

La fuga d’amore a Ravello dell'attrice svedese Greta Garbo e il direttore d'orchestra Leopold Stokowski è ormai storia, ma nessuno conosce realmente la verità che c’è dietro a quel soggiorno condiviso a Villa Cimbrone

Inserito da (Maria Abate), lunedì 16 dicembre 2019 12:58:35

La fuga d'amore a Ravello dell'attrice svedese Greta Garbo e il direttore d'orchestra Leopold Stokowski è ormai storia, ma nessuno conosce realmente la verità che c'è dietro a quel soggiorno condiviso a Villa Cimbrone, che reca una targa in ricordo. C'è infatti chi ritiene che una storia d'amore tra i due non fosse stata possibile perché la Garbo per via delle preferenze per lo stesso sesso sia della Garbo che di Stolowski. La versione più romantica e consacrata della vicenda, per quanto conclusasi con un mancato matrimonio, è meravigliosamente raccontata da Maria Rispoli nel suo bell'articolo pubblicato sul periodico L'ISOLA. Ve la riportiamo di seguito.

La strada è in salita. Mano a mano che si avanza il rumore della costa lascia spazio al silenzio. Dall'alto lo sguardo segue la mondanità che ormeggia nel porto, i tuffi adolescenziali ed il relax sdraiato al sole. Tutto si fa più piccolo e si perde nello smeraldo. Pian piano i tornanti salutano il mare conducendo il viaggiatore lungo un percorso fatto di rocce e di verde. La nostalgia che accompagna l'allontanarsi dalla vanitosa Amalfi è presto cancellata dalla bellezza del paesaggio. Intorno monti, alberi, quiete coccolano lo sguardo. Accolgono ed offrono riparo dalla frenesia quotidiana. Castagni, viti, querce sono pennellate di colore che la natura ha dipinto sulle curve montuose. Intorno al VI secolo la fecondità di questa terra, ricca di acqua e di vegetazione, portò l'aristocrazia romana a rifugiarsi nei Monti Lattari per sfuggire alla furia barbarica. Nacque così Ravello. Con il passare dei secoli il destino della città si intrecciò inevitabilmente con quello della vicina Repubblica Marinara. La prosperità del Ducato approdava con navi cariche di conquiste, profumi e tentazioni orientali. Ravello, dopo aver accolto un gruppo di nobili amalfitani ribellatisi all'autorità del doge, accrebbe la propria fortuna grazie all'abile arte di filare la lana. Nell'avvicinarsi all'antico borgo il viaggiatore ha la storia a fargli da guida. I resti delle mura che lo circondano, le antiche dimore, il magnifico Duomo raccontano un passato fatto di voglia di indipendenza ed affermazione. Sostenuta dai sovrani normanni, da quelli svevi ed angioini, nel 1086 la città divenne sede vescovile alle dirette dipendenze del Papa. I secoli sono cristallizzati in ogni angolo, in ogni scorcio, in ogni singolo gradino che conduce lungo le suggestive stradine. Giardini, botteghe, palazzi, case coloniche e terreni coltivati. L'atmosfera profuma di un passato fatto di aristocratici vezzi ed economiche concretezze. Ravello, adagiata sul piccolo promontorio del Cimbronium, è una donna elegante ed altera che con raffinata discrezione si affaccia dalla sua terrazza a guardare il blu del mare e del cielo. Al centro del paese la preghiera si eleva tra l'austera maestosità della basilica e lo sguardo protettivo di San Pantaleone. Il silenzio è il compagno di sempre eppure è proprio la musica a guidare. Conduce a Villa Rufolo, a pochi passi dal Duomo. La sinfonia è quella dei colori del suo splendido giardino, delle decorazioni minuziose del chiostro, del candore marmoreo delle colonne. L'emozione irrompe da ogni linea. È nota, melodia, suggestione. È l'ispirazione che anima gli spartiti di Richard Wagner. È brezza pungente che racconta viaggi di artisti, musicisti, pittori, attori ed intellettuali. Ravello si lascia guardare, si lascia scoprire. Viuzze profumate di glicini, bouganville e gelsomini, scalini, scorci che sembrano uscire fuori da una tela. E, poi, Villa Cimbrone: il sogno tra gli occhi abbagliati di sole e di pace. La dimora patrizia, appartenuta alla nobile famiglia degli Acconciajoco e, successivamente, al casato Fusco, venne realizzata sui resti di un insediamento romano spaziando lungo oltre sei ettari di giardini. La villa fu acquistata nel '900 da Lord Grinthorpe Ernest William Beckett. Il gentiluomo inglese, esperto viaggiatore e fine cultore dell'arte antica e moderna, affidò i lavori di ristrutturazione a Nicola Mansi, sarto ravellese trasferitosi oltremanica, dallo spiccato senso architettonico. Il desiderio era quello di rendere la villa "il luogo più bello del mondo". Attraversando gli immensi spazi ci si rende subito conto che il sogno di Lord Grinthorpe divenne realtà. La bellezza è ovunque. Negli archi, nei tempietti, nelle statue, nell'arcobaleno che bacia esotici petali, nella Rondinaia protesa sul mare. Lo stile mediterraneo sposa il mondo anglosassone in un'atmosfera quasi magica. Lungo i vialetti i pastelli di giovani viaggiatori tratteggiano emozioni. Il tempo è come se si fosse fermato. Punto di incontro tra gli inglesi trasferitisi in Costa d'Amalfi ed il famoso circolo londinese di Bloomsbury, Villa Cimbrone offre a chi la guarda lo stesso fascino di quell'epoca. Ed ecco allora che tra chi scrive note di viaggio sul suo taccuino pare scorgersi il profilo di D.H. Lawrence o quello di Forster, mentre seduti ad un tavolino i Duchi di Kent sorseggiano una tazza di thè. Più in là, dopo il viale dell'Immenso, due innamorati riempiono i loro occhi di azzurro affacciati alla terrazza dell'Infinito. Sono Greta Garbo e Leopold Stokowsky. Lo sguardo dell'attrice svedese aveva incrociato quello del geniale compositore a Hollywood, a casa della scrittrice Anita Loos. Lui l'aveva invitata a ballare. Di lì aveva avuto inizio la più bella storia d'amore vissuta dalla seducente Mata Hari. Si erano dati appuntamento, pochi mesi dopo il loro primo incontro, in Costiera Amalfitana. Giunti a Ravello, dopo una breve visita alla basilica, i due si erano addentrati tra le vie strette del paesino per raggiungere Villa Cimbrone. Lui aveva 56 anni, Greta 32. La sua infanzia senza bambole, senza giochi, la sua adolescenza da insaponatrice nei negozi di barbiere e, poi, da commessa ai grandi magazzini erano ormai un ricordo sbiadito. La scontrosa ed impacciata signorina Gustafsson aveva lasciato il posto a La Regina Cristina. Gli uomini impazzivano per lei. Nell'immaginario di tutti era la sfinge, la grande ammaliatrice, la donna appassionata e fatale de La carne e il Diavolo. Nel tempo libero, però, era semplicemente Greta, una giovane donna dallo stile androgino ed essenziale, particolarmente schiva verso gli obiettivi. Niente drappeggi di seta, ricami o gioielli, ma giacche di taglio maschile, pantaloni, camice, cravatte. Era lo stile Garbo. La bella attrice svedese aveva ammaliato centinaia di uomini con il suo sguardo ma nessuno era riuscito a far breccia nel suo cuore e nella sua anima. Lo stesso rapporto con l'americano John Gilbert, stella del cinema muto, al quale la Garbo era sinceramente legata, si interruppe proprio nel momento in cui questi cercò di mettere la parola "per sempre" accanto alla loro liaison. La divina, infatti, era scappata dal municipio dove l'attore l'aveva condotta con uno stratagemma per sposarla. Nonostante la sua avversione per i legami duraturi, la Garbo visse una breve, ma intensissima love story con il celebre direttore d'orchestra. Durante quei giorni si fecero cullare dalle curve della costiera. Respirarono profumo di rose e di camelie. Scoprirono il fascino di Capri. Dimenticarono presto le diete hollywoodiane per assaporare i piatti preparati dalla cuoca Maria Raffaella Sorrentino, al loro servizio. Protetti dall'intimità e dal fascino della residenza di Lord Grinthorpe fecero lunghe passeggiate nei boschi. Sdraiati sui prati lessero libri con l'infinito a fare da spettatore. In quel periodo Stokowsky scrisse ad un amico di essersi innamorato "della donna che, con il suo fascino ed il suo mistero, ha soggiogato il mondo". Si racconta che una di quelle sere il carismatico maestro porse alla divina un astuccio con un anello chiedendole la mano. Ma gli happy end spesso suonano banali, soprattutto quando a scrivere la sceneggiatura di una storia sentimentale è La tentatrice, colei che poco tempo prima aveva dichiarato: "No, non mi sposerò mai. I film sono tutta la mia vita". Assaliti dalla stampa europea ed estera, fiondatasi nel tranquillo paese della Costiera appena trapelata la notizia della loro romantica fuga d'amore, Leopold e Greta indissero una conferenza stampa nella biblioteca della villa negando categoricamente qualsiasi progetto di matrimonio. Il musicista fu il primo a ricevere i giornalisti. Subito dopo, in abito blu, sciarpa dello stesso colore e camicia gialla fece il suo ingresso l'attrice. Stringendo nervosamente tra le mani i suoi guanti neri disse: "I only want to be let alone". L'azzurro del mare di Amalfi luccicava dalle finestre della stanza. Ci fu una pausa. Poi, aggiunse: "Il signor Stokowsky è un amico che mi ha offerto di fare un viaggio con lui per vedere alcuni dei luoghi più belli del mondo". La coppia si dileguò. Trascorsero i giorni successivi in totale riservatezza, ma era chiaro che tra loro le cose non erano più come prima. Partirono per il Nordafrica e la Svezia, non prima di aver salutato malinconicamente Ravello. Quel paesino per quasi un mese era stato il loro rifugio, il loro amico, il complice silenzioso di un sogno di intima felicità.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Quando a Ravello arrivò Greta Garbo
Quando a Ravello arrivò Greta Garbo

rank: 108849108

Storia e Storie

Amalfi, Atrani e Sorrento negli anni trenta: le immagini di Paul Schulz / FOTO

Allegando le vedute, di proprietà della Fototeca della Biblioteca di Stato della Sassonia, il gruppo Cava Storie propone immagini dedicate ad Amalfi, Atrani e Sorrento, tre città incluse in quel "braccio" di terra che unisce le due Costiere e divide i golfi di Napoli e Salerno. L'autore, il tedesco Paul...

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

Amalfi, i mille volti del Duomo e della sua piazza nei disegni ottocenteschi / FOTO

Il Duomo di Amalfi ha subito, nel tempo, numerosi cambiamenti. In particolare l'ultimo trentennio dell'800, quando, a seguito di un crollo del frontale, avvenuto agli inizi degli anni sessanta del predetto secolo, vennero attivati importanti lavori fino al 1895. Il gruppo Cava storie, che ha lo scopo...

La Costiera Amalfitana negli anni cinquanta negli scatti realizzati da una fotografa tedesca

L'archivio della Biblioteca Hertziana - Istituto Max Planck di Roma è ricco di materiale riguardante luoghi d'interesse storico e artistico, tra cui una vasta collezione di immagini. Queste includono donazioni di fotografi e viaggiatori, come Ursula Wachtel, che ha realizzato migliaia di diapositive...

Positano il 31 dicembre 2014 si svegliava così: le immagini di Fabio Fusco

Nell'incantevole scenario della Costiera Amalfitana, Positano salutava l'ultimo giorno dell'anno in una maniera straordinariamente insolita nel 2014. Sono passati quasi 10 anni dall'inattesa nevicata che imbiancò la città verticale e le sue pittoresche stradine il 31 dicembre del 2014. Oggi invece le...

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.