Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa S. Giuseppe sposo di M.V.

Date rapide

Oggi: 19 marzo

Ieri: 18 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'AmalfiAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Energia in Costiera Amalfitana: Sicme è il fornitore di Gas e Luce che garantisce affidabilità e supporto direttoPasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'AmalfiLuxury Hotel Santa Caterina in Amalfi

Amalfi News

Energia in Costiera Amalfitana: Sicme è il fornitore di Gas e Luce che garantisce affidabilità e supporto direttoPasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'AmalfiLuxury Hotel Santa Caterina in Amalfi

Tu sei qui: Storia e Storie“L’uomo, la bestia e la virtù”: a Cetara Totò girò il film che attirò le proteste della famiglia di Luigi Pirandello

Storia e Storie

“L’uomo, la bestia e la virtù”: a Cetara Totò girò il film che attirò le proteste della famiglia di Luigi Pirandello

Scritto da (mariaabate), mercoledì 7 novembre 2018 16:06:25

Ultimo aggiornamento mercoledì 7 novembre 2018 16:06:25

Una carriera notoriamente prolifica quella del principe della risata, con ben 97 pellicole interpretate negli anni dal 1937 al 1967. Fellini sosteneva anche che Totò era un fatto naturale, qualcosa di compiuto in sé stesso che non poteva essere modificato o sopraffatto da artifici scenici o di copione. E infatti i registi con cui ha lavorato di più e meglio furono proprio coloro che lasciarono più spazio alla sua improvvisazione senza tentare di imbrigliarla in soggetti o sceneggiature forzatamente precostituite. E, spesso, alla libertà di espressione della maschera Totò corrispondeva il successo di botteghino.

Nel 1953, a Cetara, Totò girò un film che gli attirò il duro disappunto della critica. L'uomo, la bestia e la virtù lo vide accanto a due star del calibro di Orson Welles e Viviane Romance, in un rifacimento cinematografico della commedia pirandelliana accolto al tempo come una "pochade" non troppo edificante. La pellicola, infatti, venne ritirata poco tempo dopo l'uscita nelle sale, a causa delle proteste della famiglia di Luigi Pirandello, che non aveva gradito lo stravolgimento dell'opera a cui si ispirava. Per oltre trent'anni il film divenne praticamente introvabile, fin quando nel 1993 fu trasmesso per la prima volta in tv dalla Rai.

Il regista Stefano Vanzina volle come location il pittoresco borgo amalfitano affinché desse alla pellicola una sussidiaria valenza fotografica, esaltata dal sistema a colori belga Gevacolor, all'epoca considerato più adatto per un mercato internazionale; ma oggi la copia a colori risulta svanita e rimane soltanto il bianco e nero. Nonostante gli sforzi, il film ricevette una stroncatura da parte della critica militante e seriosa, perché il fatto che Totò osasse confrontarsi con il grande commediografo fu considerato un vero affronto.

La trama

Paolino, maestro di una scuola elementare nei dintorni di Napoli, appare scostante e nervoso da un po' di giorni ed i suoi amici e conoscenti non si spiegano il motivo. L'uomo è l'amante di Assunta, madre di un suo alunno e moglie del rozzo capitano Perrella, e scopre che dalla loro relazione clandestina la donna è rimasta incinta. Paolino ed Assunta cercano il modo di nascondere l'adulterio attribuendo al capitano la paternità del figlio di cui Assunta è in attesa. La cosa sembrerebbe facile, dal momento che Perrella sta rientrando dal suo ultimo viaggio, ma il capitano, a sua volta, ha un'amante e non prova più alcuna attrazione per la moglie. Paolino decide quindi di architettare un piano per spingere Perrella a passare una notte d'amore con Assunta.

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Sigismondo Nastri traduce in "napoletano" la filastrocca di Gabriele D'Annunzio: Carnevale viecchio e pazzo

"Bellissima, in questa filastrocca di Gabriele d'Annunzio, che m'è piaciuto tradurre in napoletano, la descrizione del carnevale com'era al tempo in cui ero ragazzo, ad Amalfi, e come lo ricordo, con nostalgia e rimpianto." CARNEVALE VIECCHIO E PAZZO Carnevale viecchio e pazzo s'è vennuto ‘o matarazzo...

Storia e Storie

Benvenuto Andrea Pansa

Amalfi dà il benvenuto al piccolo Andrea Pansa, terzogenito di Nicola e Monica Cascone, venuto alla luce ieri sera poco prima della mezzanotte al reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale De Luca e Rossano di Vico Equense. Il piccolo, che pesa 3300 grammi, sta bene, come mamma Monica, per la...

Storia e Storie

L'uomo non divida ciò che il mare ha unito: una singolare storia di un grande personaggio della Costa d'Amalfi raccontata da Pierluigi Califano

"Questa mattina ad Amalfi il mare agitato ha portato questo tronco. È bellissimo e mi ricorda un episodio "magico" di quando ero ragazzo. Due tronchi simili, più piccoli, furono portati dal mare alla Praia. Luca il proprietario dell'Africana li prese e li portò nel suo locale dove rimasero appesi alle...

Storia e Storie

La nascita storica (e leggendaria) del digestivo in Costiera Amalfitana

In una notte tempestosa, verso la metà del IX secolo, un pellegrino greco di nome Pontus cercò rifugio sotto un acquedotto romano lungo la Costiera Amalfitana. La violenta pioggia portava con sé detriti che schizzavano dappertutto: Pontus era rimasto ferito al braccio. Proprio mentre cercava una cura...

Sicme Energy & Gas, il partner gas e luce in Costiera AmalfitanaPasticceria Gambardella a Minori, da oggi le specialità della famosa pasticceria minorese sono acquistabili anche on lineAntica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana