Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury HotelPasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Sunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Storia e Storie «Ho scritto i miei romanzi a Ravello», la rivelazione del Premio Strega Antonio Scurati a “Il Corriere del Mezzogiorno”

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Storia e Storie

Ravello, Costiera amalfitana, cultura, intervista, Scurati

«Ho scritto i miei romanzi a Ravello», la rivelazione del Premio Strega Antonio Scurati a “Il Corriere del Mezzogiorno”

«Cre­do che To­rel­lo og­gi in­car­ni il ve­ro spi­ri­to di Ra­vel­lo. È uno spo­sa­li­zio fe­li­ce tra la na­tu­ra stes­sa e il len­to e in­tel­li­gen­te la­vo­ro dell'uo­mo», così il Premio Strega An­to­nio Scu­ra­ti in un’intervista pubblicata sul Corriere del Mezzogiorno lo scorso lunedì 13 luglio, a firma di Michelangelo Iossa

Inserito da (Maria Abate), mercoledì 15 luglio 2020 12:11:18

«Cre­do che To­rel­lo og­gi in­car­ni il ve­ro spi­ri­to di Ra­vel­lo. È uno spo­sa­li­zio fe­li­ce tra la na­tu­ra stes­sa e il len­to e in­tel­li­gen­te la­vo­ro dell'uo­mo», così il Premio Strega An­to­nio Scu­ra­ti in un'intervista pubblicata sul Corriere del Mezzogiorno lo scorso lunedì 13 luglio, a firma di Michelangelo Iossa.

Di Torello, Scurati ama che sia rimasto un «luo­go an­ti­co, me­ra­vi­glio­so e ap­par­ta­to, pro­prio co­me mi ap­par­ve quan­do lo vi­di per la pri­ma vol­ta ne­gli an­ni ‘70».

Proprio in quegli anni, infatti, lo scrittore basò qui il suo buen re­ti­ro. «La mia fa­mi­glia ac­qui­stò una ca­sa con­ta­di­na con pic­co­li ter­raz­za­men­ti di li­mo­ni e or­ti mol­to cu­ra­ti. Quel­la ca­sa è l'epi­cen­tro del­le no­stre esta­ti da quat­tro de­cen­ni».

«Quan­do ar­ri­vam­mo qui non era sta­ta an­co­ra co­strui­ta la ro­ta­bi­le. Rag­giun­ge­va­mo la no­stra ca­sa sol­tan­to a pie­di, af­fron­tan­do lun­ghe sca­li­na­te: ar­ri­va­re a Ra­vel­lo, nel­la sua piaz­za per po­ter in­con­tra­re i no­stri ami­ci era piut­to­sto fa­ti­co­so», racconta Scurati.

E poi fa una rivelazione: «Tut­ti i miei ro­man­zi so­no sta­ti scrit­ti, in­te­gral­men­te o par­zial­men­te, in que­sta ca­sa. Per scri­ve­re il li­bro "Il bam­bi­no che so­gna­va la fi­ne del mon­do" fe­ci an­co­ra di più: pre­si in af­fit­to un piccolo ap­par­ta­men­to nel cuo­re an­ti­co di To­rel­lo, po­co di­stan­te dal­la no­stra abi­ta­zio­ne».

Anche M. L'uo­mo del­la prov­vi­den­za, se­con­do ca­pi­to­lo del­la tri­lo­gia scu­ra­tia­na di cui Be­ni­to Mus­so­li­ni è pro­ta­go­ni­sta, che sa­rà nel­le li­bre­rie a set­tem­bre.

«Non pos­sia­mo per­met­ter­ci di cre­de­re che esi­sta una so­la ‘ere­di­tà pas­si­va' dei luo­ghi, non sia­mo ere­di te­sta­men­ta­ri che cer­ti­fi­ca­no sol­tan­to l'esi­sten­za di un pa­tri­mo­nio. Il fu­tu­ro del bor­go di To­rel­lo ri­sie­de nel pre­ser­va­re ciò che è un va­lo­re som­mo. In un'ot­ti­ca di mo­der­ni­tà, è do­ve­ro­so tu­te­la­re il suo pae­sag­gio ru­ra­le», chiosa lo scrittore, che nel 2019 fu nominato cittadino onorario di Ravello.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 109321100

Storia e Storie

Da Amalfi a Parigi, Franco Gambardella espone un suo scatto alla Galerie Joseph Le Palais

Di Maria Abate Tra le foto di 444 fotografi provenienti da tutto il mondo, tra il 24 e il 26 maggio, a Parigi, sarà esposta anche quella di Franco Gambardella. Il giovane amalfitano, in arte "Franco Gambs", è reduce dalla mostra "Iconic Photo Show", che si è tenuta a Milano lo scorso settembre. E, dopo...

“Uno strano tipo”, il film del 1963 con Celentano girato in Costiera Amalfitana /VIDEO

In un sabato mite di fine inverno, il gruppo Cava Storie pubblica un'altra chicca dal suo archivio storico. Questa volta si tratta di scene del film "Uno Strano Tipo", girate in Costiera Amalfitana. Diretta dal regista Lucio Fulci, la pellicola uscì nelle sale cinematografiche nel 1963. Tra i principali...

Amalfi, Atrani e Sorrento negli anni trenta: le immagini di Paul Schulz / FOTO

Allegando le vedute, di proprietà della Fototeca della Biblioteca di Stato della Sassonia, il gruppo Cava Storie propone immagini dedicate ad Amalfi, Atrani e Sorrento, tre città incluse in quel "braccio" di terra che unisce le due Costiere e divide i golfi di Napoli e Salerno. L'autore, il tedesco Paul...

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

Amalfi, i mille volti del Duomo e della sua piazza nei disegni ottocenteschi / FOTO

Il Duomo di Amalfi ha subito, nel tempo, numerosi cambiamenti. In particolare l'ultimo trentennio dell'800, quando, a seguito di un crollo del frontale, avvenuto agli inizi degli anni sessanta del predetto secolo, vennero attivati importanti lavori fino al 1895. Il gruppo Cava storie, che ha lo scopo...