Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa S. Albino vescovo

Date rapide

Oggi: 1 marzo

Ieri: 29 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Small Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAOfferta Granato Caffè a cialde con macchina FrogHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Storia e StorieGli scenari politici di fine ‘700 in Costa d’Amalfi: il ruolo di Tramonti nell'ascesa e caduta della “Republica”

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Storia e Storie

Gli scenari politici di fine ‘700 in Costa d’Amalfi: il ruolo di Tramonti nell'ascesa e caduta della “Republica”

Inserito da (Maria Abate), giovedì 26 aprile 2018 19:25:29

Mentre le truppe napoleoniche conquistavano e invadevano il Regno di Napoli costringendo il governo borbonico a rifugiarsi in Sicilia, «nelle valli di Tramonti si pensava a guadagnare il pane, lontani da certe evenienze e dal concitato succedersi degli eventi e al clima di grave incertezza, di preoccupazione, di sgomento montante caratteristico di quei giorni»*.

Ben presto, Don Ferdinando Torre e don Domenico Fiore di Cesa giunsero ad Amalfi per la democratizzazione della Città e dei luoghi vicini. Qui ebbe luogo una cerimonia intrisa di simbolismo e atta a celebrare la nascita della Repubblica: dispensate coccarde e bandiere, don Domenico Fiore fece cantare il Te Deum e portare in processione la Statua di S. Andrea, quindi incitò la folla a gridare «Viva la Libertà! Mora il Tiranno!», motto che presto si diffuse nei paesi vicini.

E, sull'esempio di Amalfi, anche a Tramonti, durante una riunione pubblica nella piazza di Polvica, fu formata una municipalità. A farne parte furono chiamati l'arciprete don Giuseppe Cardamone, il parroco di Polvica don Luigi Vollaro, i fratelli don Nicola e don Luigi Salzano, don Gaetano Santelia, don Michele e don Nicola Campanile, don Giacinto Fierro, don Pasquale Giordano e don Filippo Vicedomini. Durante una messa solenne nella chiesa di San Giovanni, fu benedetto l'Albero della Libertà che era stato sistemato accanto all'altare. Dopo la celebrazione dell'Eucaristia, l'albero fu portato all'esterno sulle note del Te Deum e piantato nella piazza. L'Albero - spiegò il parroco Vollaro alla gente - era il ringraziamento a Dio per aver cacciato «quel Tiranno saccheggiatore del Regno». Si racconta, però, che uno degli astanti «ebbe la sfrontatezza di chiedere in cosa consisteva questa Libertà, dal momento che si moriva di fame più di prima. Per tutta risposta il municipalista don Filippo Vicedomini, irritato per la domanda sarcastica, gli affibbiò un urtone in petto, che lo fece rotolare a terra, minacciandolo di fucilazione se non si fosse immediatamente allontanato dalla piazza».

A sostegno della neonata Repubblica Napoletana, i municipalisti fecero ampia opera di propaganda politica, disprezzando i Borbone e distruggendo le insegne reali, che, insieme a un'iscrizione scolpita nel marmo, campeggiavano sulla stessa piazza. Allo stesso tempo, quattro corrieri - Pasquale Apicella, Francesco Imperato, Luca Russo e Onofrio Gargiulo - minacciavano la fucilazione ai sostenitori della monarchia borbonica e promettevano somme di danaro a chi, invece, si fosse dichiarato apertamente per la Repubblica.

Nonostante ciò, alcuni tramontani presero a danneggiare «il simbolo dell'albero, che era stato detto ‘sacro' dalla propaganda repubblicana. Carmine Ferraro e suo figlio Domenico lo atterrarono una prima volta. Rialzato, fu abbattuto una seconda e una terza volta, nottetempo, da Gennaro Fierro. Fu allora deciso di disporre per la sua custodia, notte e giorno, la presenza d'una guardia armata composta da dodici persone, con soldo di venti grana giornaliere».

Guidati dal Ferraro, i sostenitori della dinastia borbonica, organizzati in un "esercito" di duecento persone, affrontarono i reparti francesi in quattro scontri per impedire loro di entrare nell'abitato di Tramonti. «Condannato a morte con i suoi figli da una commissione militare, il Ferraro, i suoi quattro figli e i suoi massisti si unirono con il capomassa cetarese don Crescenzo Autuori. Uniti assalirono Cava, Castellammare, Scafati e, ricongiunti alle masse di Calabresi guidate dal Cardinale Fabrizio Ruffo, furono tra i primi ad entrare in Napoli il 13 giugno 1799, dopo la vittoria al Ponte della Maddalena. Il rapido prevalere delle forze guidate dal cardinale Fabrizio Ruffo e il successivo crollo della Repubblica Napoletana permisero presto ai vecchi quadri legati al lealismo borbonico di tornare alla guida della cosa pubblica».

«La crisi del 1799 segnerà, in maniera profonda, la società locale e le contraddizioni e le tensioni serpeggianti al suo interno troveranno un loro sbocco nei primi anni dell'occupazione militare francese, attraverso l'esplodere di focolai di brigantaggio che colpiranno in particolare i ricchi possidenti di Tramonti con taglieggiamenti e omicidi».

*tutte le citazioni sono di Crescenzo Paolo Di Martino, tratte dal capitolo "Immagini del quotidiano tra Sei e Settecento" del volume "Tramonti, la Terra Operosa", pubblicato nel 2008 dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Gli scenari politici di fine ‘700 in Costa d’Amalfi: il ruolo di Tramonti nell'ascesa e caduta della “Republica”
Gli scenari politici di fine ‘700 in Costa d’Amalfi: il ruolo di Tramonti nell'ascesa e caduta della “Republica”
Gli scenari politici di fine ‘700 in Costa d’Amalfi: il ruolo di Tramonti nell'ascesa e caduta della “Republica”
Gli scenari politici di fine ‘700 in Costa d’Amalfi: il ruolo di Tramonti nell'ascesa e caduta della “Republica”

rank: 101739101

Storia e Storie

Amalfi, Atrani e Sorrento negli anni trenta: le immagini di Paul Schulz / FOTO

Allegando le vedute, di proprietà della Fototeca della Biblioteca di Stato della Sassonia, il gruppo Cava Storie propone immagini dedicate ad Amalfi, Atrani e Sorrento, tre città incluse in quel "braccio" di terra che unisce le due Costiere e divide i golfi di Napoli e Salerno. L'autore, il tedesco Paul...

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

Amalfi, i mille volti del Duomo e della sua piazza nei disegni ottocenteschi / FOTO

Il Duomo di Amalfi ha subito, nel tempo, numerosi cambiamenti. In particolare l'ultimo trentennio dell'800, quando, a seguito di un crollo del frontale, avvenuto agli inizi degli anni sessanta del predetto secolo, vennero attivati importanti lavori fino al 1895. Il gruppo Cava storie, che ha lo scopo...

La Costiera Amalfitana negli anni cinquanta negli scatti realizzati da una fotografa tedesca

L'archivio della Biblioteca Hertziana - Istituto Max Planck di Roma è ricco di materiale riguardante luoghi d'interesse storico e artistico, tra cui una vasta collezione di immagini. Queste includono donazioni di fotografi e viaggiatori, come Ursula Wachtel, che ha realizzato migliaia di diapositive...

Positano il 31 dicembre 2014 si svegliava così: le immagini di Fabio Fusco

Nell'incantevole scenario della Costiera Amalfitana, Positano salutava l'ultimo giorno dell'anno in una maniera straordinariamente insolita nel 2014. Sono passati quasi 10 anni dall'inattesa nevicata che imbiancò la città verticale e le sue pittoresche stradine il 31 dicembre del 2014. Oggi invece le...

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.