Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Giovanni della Croce

Date rapide

Oggi: 23 novembre

Ieri: 22 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'AmalfiAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Energia in Costiera Amalfitana: Sicme è il fornitore di Gas e Luce che garantisce affidabilità e supporto direttoGenea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera AmalfitanaCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Dal 1830 la Pasticceria Pansa è il luogo dove la magia incontra la dolcezza, ad Amalfi tutto il buono della Costiera Amalfitana a portata di ClickGranato Caffè tutto il gusto del caffè espresso Napoletano - vendita e assistenza diretta in Costiera AmalfitanaHotel in Amalfi, Hotel Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel, Hotel Marina RivieraLuxury Hotel Santa Caterina in Amalfi

Amalfi News

Energia in Costiera Amalfitana: Sicme è il fornitore di Gas e Luce che garantisce affidabilità e supporto direttoGenea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera AmalfitanaCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Dal 1830 la Pasticceria Pansa è il luogo dove la magia incontra la dolcezza, ad Amalfi tutto il buono della Costiera Amalfitana a portata di ClickGranato Caffè tutto il gusto del caffè espresso Napoletano - vendita e assistenza diretta in Costiera AmalfitanaHotel in Amalfi, Hotel Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel, Hotel Marina RivieraLuxury Hotel Santa Caterina in Amalfi

Tu sei qui: Storia e StorieCucina Paesana della Costa d'Amalfi: Il Sanguinaccio

Storia e Storie

Costiera Amalfitana, Gourmet, Sanguinaccio, piatti storici, dolci della tradizione

Cucina Paesana della Costa d'Amalfi: Il Sanguinaccio

il dolce che non c'è più con l'antica ricetta di Gabriele Pansa

Scritto da (admin), lunedì 16 gennaio 2017 18:31:06

Ultimo aggiornamento mercoledì 5 dicembre 2018 22:29:23

di Sigismondo Nastri (Mondosigi.com, 2 febbraio 2008)

L'altro giorno, in occasione della festa di sant'Andrea apostolo, patrono di Amalfi, ho postato alcuni proverbi legati alla ricorrenza. Uno di questi recita: "Da Sant'Andrea, del maiale venticinque giorni a Natale". Un destino, quindi, già scritto. Del suino, si dice, si utilizza tutto, ed è vero. Anche il sangue che viene raccolto coagulato. Lo si consuma in genere soffritto con la cipolla, buono anche per condire la pasta.
In Francia ho mangiato qualche volta il boudin, che è un insaccato con sangue di maiale, aromi e spezie. Molto gustoso.
Una volta - mi riferisco sempre ai miei tempi - il sangue del maiale veniva raccolto liquido (bisognava agitarlo bene, ancora caldo, ad evitare che formasse grumi) proprio per la preparazione del sanguinaccio. Nel 1992 questa pratica è stata vietata. Il "sanguinaccio" che vendono ora le pasticcerie, fatto col solo cioccolato, è un falso. O un surrogato. Non è la stessa cosa.
Il sanguinaccio, quello vero, era il dolce tipico del Carnevale. E, prima ancora, nel Seicento, anche del periodo natalizio. Veniva considerato "boccone reale", soprattutto se ricevuto in regalo.
Nel Settecento lo si faceva in questo modo: "Si mescoli il sangue di porco sciolto con panna di latte, grasso e cervella di porco trite, cedro ed arance candite trite, cioccolata grattugiata, spezie e poco zucchero. Mescolato tutto, se ne empiono le budella del porco in maniera che non crepino, nel cuocerle, e si mettono in una marmitta con acqua fredda a cuocere, condendola di foglie d'alloro, sale, e cannella in stecchi. Cotto si faranno in essa raffreddare, e quando si hanno da servire si faranno riscaldare sopra una graticola con carta sotto unta di butirro".
Ai primi dell'Ottocento, Ippolito Cavalcanti, duca di Buonvicino, ne descriveva così il procedimento: "Piglia no rotolo de sango de puorco (con reverenza parlando) e de chillo tanno scannato, e pecché chesto subitamente se quaglia, l'aje da manià co le mmane per nne levà la spogna; po nge miette na libbra de ceccolata cotta a decotto denzo, miezo ruotolo de zuccaro fino buono macenato, doje grana de cannella fina, no grano de garofano fino, meza libbra de cetronata, e n'auta meza de cocozzata ntretata, meza libbra de mostacciuolo pestato, miette ogne cosa dint'a na cazzarola, e co na cocchiara vôta sempe, comm'avisse da fa la crema; quanno s'è astregnuto, lo miette a capo comm'a na sopressata, t'arraccomanno de no lle ffa tanto chiena, ca pecché se schiattano nsarvamiento de chi nge sente, l'attacca nfaccia a na mazzarella, e chesta appesa dinto a na caudara d'acqua vollente, e farai côcere no poco pecché s'hanno da cocere lle stentine; po' li lieve, e lli mmiette dinto a no ruoto co no poco de nzogna, pe farle ngroscà, e accoss' se magne lo sanguinaccio".
Solo per conservarne la memoria storica, riporto qui la ricetta che mi fu data tanti anni fa dalla pasticceria Pansa di Amalfi, in particolare dal carissimo amico Gabriele, il cui ricordo è sempre vivo in me. Ricetta di un dolce che era squisitissimo, da leccarsi i baffi.
Ingredienti: 1 litro di sangue di maiale liquido, defibrinato, passato per lo staccio in modo da eliminare qualche grumo residuo; 1 litro di latte fresco intero; 1 kg. di zucchero; 600 gr. di cioccolato fondente tagliato pezzetti; 50 gr. di cacao amaro; 150 gr. di farina; 150 gr. di cedro; 150 gr. di uvetta; 100 gr. di pinoli; 1 bustina di vainiglia; 100 gr. di liquore Grand Marnier o Strega.
Si mescola zucchero, farina e cacao aggiungendo poco alla volta il latte fino a formare un composto cremoso. Si completa l'impasto aggiungendo il resto del latte e il sangue di maiale, mescolando continuamente. Si mette a cuocere a fuoco moderato e, appena caldo, si aggiunge il cioccolato. Togliere dal fuoco subito dopo che ha raggiunto l'ebollizione.
Una volta che il sanguinaccio così preparato si è ben raffreddato, vi si aggiungono i pinoli, il cedro tagliato a dadini, l'uvetta. Vi si versa il liquore (ovviamente la quantità indicata in 100 grammi può variare, a seconda della densità che si desidera ottenere) e la vaniglia, mescolando energicamente.
La preparazione del sanguinaccio a questo punto si può dire completata. Lo si deve solo predisporre in vassoietti, guarnendolo con pinoli e pezzetti di pan di Spagna.
Chi non lo ha provato non può sapere quanto era buono.

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Amalfi: al Cinema Iris la proiezione di “Aquile Randagie” per gli studenti

Nel 1928 Mussolini dichiara soppresso lo scautismo. Ma alcuni scout di Milano e Monza decidono di continuare le attività clandestinamente. Quella delle Aquile Randagie è la storia di una Resistenza durata 17 anni ed è quella di cui si parlerà mercoledì 27 novembre ad Amalfi, con la proiezione, al Cinema...

Storia e Storie

Stasera a Vietri sul Mare si parla della storia del sistema portuale salernitano

Stasera, giovedì 21 novembre, alle 17, presso l'aula consiliare del Comune di Vietri sul Mare, si terrà il convegno "Vietri nella storia del sistema portuale salernitano". Durante la serata sarà presentato il libro "La Riforma Portuale di Federico II" di Alfonso Mignone. Insieme all'autore, interverranno...

Storia e Storie

“La pittura del ’600 e del ’700 a Napoli e in Costa d’Amalfi”: 21 novembre la presentazione del libro

"La pittura del '600 e del '700 a Napoli e in Costa d'Amalfi" è il volume di Antonio Braca, a cura di Riccardo Lattuada, che sarà presentato giovedì 21 novembre alle 17.00 dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana presso la biblioteca comunale Pietro Scoppetta. La presentazione sarà al centro dell'incontro-dibattito...

Storia e Storie

L’interno del Duomo di Ravello in un disegno di Achille Vianelli

Un disegno a seppia su carta di Achille Vianelli che ritrae la Cattedrale di Ravello nella sua austera veste barocca. A segnalarlo il prof. Luigi Buonocore, che scrive: «A sinistra, in corrispondenza dell'attuale accesso del Museo, si intravede un gruppo di penitenti con sacco bianco, cordone e cappuccio...

Genea consorzio stabile, progettazione, efficientamento energetico, impianti fotovoltaiciVendita, fornitura e assistenza di macchine per caffè, cialde, caffè in capsule, Caffè Granato la garanzia di un espresso di assoluta eccellenza in Costiera AmalfitanaSicme Energy & Gas, il partner gas e luce in Costiera AmalfitanaPasticceria Gambardella a Minori, da oggi le specialità della famosa pasticceria minorese sono acquistabili anche on lineZia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad AmalfiAntica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana