Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 21 ore fa S. Beatrice vergine

Date rapide

Oggi: 18 gennaio

Ieri: 17 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'AmalfiAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Acquista on line i nostri panettoni: la dolcezza a portata di click Sal De Riso Costa d'Amalfi, acquista on line i prodotti artigianali della pasticceria più premiata d'ItaliaPetrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme.

Amalfi News

Acquista on line i nostri panettoni: la dolcezza a portata di click Sal De Riso Costa d'Amalfi, acquista on line i prodotti artigianali della pasticceria più premiata d'ItaliaPetrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme.

Tu sei qui: Storia e StorieRicordo di Michele Buonocore, il poeta-vigile di Atrani

Storia e Storie

Ricordo di Michele Buonocore, il poeta-vigile di Atrani

Scritto da (mariaabate), venerdì 21 dicembre 2018 16:37:08

Ultimo aggiornamento venerdì 21 dicembre 2018 16:50:44

Di Sigismondo Nastri

Atrani ha intitolato una strada a Michele Buonocore. Sabato pomeriggio, 22 dicembre, lo onorerà in occasione della cerimonia conclusiva del premio di poesia a lui intitolato. Di seguito il ricordo che Sigismondo Nastri, decano dei giornalisti della Costa d'Amalfi, ha scritto di lui.

Essere di Atrani. E rivendicarlo con l’orgoglio dell’appartenenza, anche ostentando la particolare cadenza dialettale, che differenzia gli atranesi dagli amalfitani e dagli altri abitanti della Costa; retaggio del lungo percorso della storia e delle "contaminazioni" con i popoli, le culture che nel corso dei secoli hanno avuto approdo qui, in questo segmento di mare delimitato dalla Collegiata della Maddalena, a est, e dalla torre sul fronte opposto. Era questo - la parlata tipica atranese, voglio dire – il tratto caratteristico di Michele Buonocore già da ragazzo. Da quando, cioè, io l’ho conosciuto, avendolo annoverato tra i miei allievi all’Istituto professionale per il commercio di Amalfi.
Essere atranese significa avere origini saldamente radicate nel solco tracciato a valle dal torrente Dragone, dove le case, strette nella gola profonda, attraversate da vicoli e scalinate che tolgono il fiato, trovano appiglio sui dirupi della montagna.
Ripassando nella mente l’albero genealogico della mia famiglia, trovo che la mia nonna paterna era di Atrani e avverto istintivamente di conservare un sia pur sottile legame con questa comunità.
L’ultima immagine che mi rimane di Michele – l’ho impressa nitidamente negli occhi – risale a quando egli ebbe un riconoscimento al concorso artistico-letterario "Tagliafierro". Ero nella sala consiliare del municipio di Tramonti. Corse ad abbracciarmi, emozionato e insieme felice, col premio in mano sventolato come una bandiera.
Lo ricordo così anche da alunno. Esuberante, come deve essere un ragazzo, ma educato, rispettoso, preso dalla sua voglia di apprendere, di realizzarsi culturalmente, generoso con i compagni, che gli volevano bene. Come gliene volevamo noi docenti. Lo caratterizzava già allora l’amore per la poesia – quella vernacolare, in particolare – coltivata fino a quando il destino lo ha sottratto alla famiglia, agli amici, alla comunità che ha servito con grande professionalità e dignità vestendo la divisa di vigile urbano. Una poesia, la sua, densa di sentimento, non adagiata su banali elementi descrittivi.
Di Atrani Michele conosceva storia, tradizioni, usi e costumi, personaggi, aneddoti, curiosità. Senza esserne geloso: anzi, era sempre pronto a far partecipe di questo patrimonio culturale, acquisito attraverso ininterrotte ricerche, e i racconti della mamma, chiunque ne avesse bisogno. Conservo un suo prezioso libretto, credo ad uso dei turisti, nel quale è sintetizzato, in maniera chiara e puntuale, tutto quel che c’è da sapere. Anch’io, in qualche circostanza, mi sono rivolto a lui. E l’ho trovato subito disponibile.

Leggi anche:

Atrani: sabato 22 premiazione Concorso di Poesia 'Michele Buonocore', ecco i vincitori

Ad Atrani una via dedicata a Michele Buonocore

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Da Tramonti in giro per il mondo: Giovanni De Rosa e il suo “VagaBonded” in TV da Licia Colò

È stato presentato soltanto lo scorso settembre il blog di viaggi di Giovanni De Rosa, giovane fotografo di Tramonti con la passione per le escursioni. Ed ha già ottenuto ottimi riscontri, specie con la partecipazione, lo scorso 13 gennaio, a "Il mondo insieme" di Licia Colò su Tv Sat 2000. Con la Colò...

Storia e Storie

Un memorial in ricordo di Fabio Borgese

di Mario Pisani* Spesso si dice che chi muore vive nei nostri ricordi, ed è questa una grande verità. Ad un anno di distanza, da quel giorno funesto, la comunità costiera ha celebrato la memoria di Fabio Borgese, il giovane amalfitano morto prematuramente. Qualche giorno fa, infatti, una delegazione...

Storia e Storie

La fantastica esperienza dell'Erasmus Plus in Costa d'Amalfi con ACARBIO raccontata da Jarek

«La Costiera Amalfitana è, senza dubbio, uno dei luoghi più belli del mondo», esordisce così Jarek Stawarz, giovane polacco che ha vissuto l’interessante esperienza di un Erasmus Plus a Tramonti, grazie all’Associazione ACARBIO. Il suo Erasmus è giunto al termine e Jarek è tornato a casa, anche se non...

Storia e Storie

“La fiancée d'Amalfi”: un romanzo di passione e segreti ambientato in Costiera

In Italia è stato tradotto col titolo "Fascino italiano" e pubblicato nel 2016 per la collana "Harmony" di Harper Collins. Si tratta del romanzo rosa della scrittrice francese Ann Major intitolato "La fiancée d'Amalfi", che racconta di un amore inaspettato in Costiera. Sì, perché non c'è solo Amalfi...

Pasticceria Gambardella a Minori, da oggi le specialità della famosa pasticceria minorese sono acquistabili anche on lineAntica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana