Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 2 giorni fa S. Gabriele dell'Addolorata

Date rapide

Oggi: 27 febbraio

Ieri: 26 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Small Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAOfferta Granato Caffè a cialde con macchina FrogHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Storia e Storie“'O Munaciello”: un’antica fiaba tramontana raccontata in dialetto da Gennaro Pesacane

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Storia e Storie

“'O Munaciello”: un’antica fiaba tramontana raccontata in dialetto da Gennaro Pesacane

Inserito da (Maria Abate), venerdì 18 maggio 2018 15:30:26

‘O Munaciello era âuto tre parme (palmi), teneva ‘a capa longa ‘nu ‘nzirracchio (misura ottenuta estendendo pollice ed indice), era camuso (naso schiacciato e ricurvo in basso ma, a Tramonti "camuso" era spesso detto anche di chi aveva la progna) e' era pure zelluso (mancava di capelli a chiazze). Pe' sé accummiglià ‘a zella purtava sempe ‘na scazzetta n'capa. Si steva cuntento sé metteva chella rossa, si steva ‘nfrevato s'à metteva nera. Jeve vestuto sempe ‘a prevetariello e teneva pure ‘na bella panzella. Sempe ascavezo girava p' 'a casa senza se fa vede' e senza dà passe, sciuliava. Steva fora ‘o suppuorteco a Jete, dinto a ‘na casa ‘e duie giuvene frische 'nzurate.

Ogni notte jeva a scutulià (infastidire) ‘a mugliera: quanno ncè tirava ‘e capille, quanno nu buffetiello, quanno ‘a cuccecava sotto ‘a ‘nu pere, quanno lle tuccava ‘o pietto. Però ‘a vuleva bene, dinto ‘a casa nun faceva maje mancà niente, quanno ‘e fasule o l'uoglio steveno pe' fernì, ‘a sacchetella e ‘o ziro sé regnevano ‘n'ata vota. ‘Na sera ca ‘o marito s'era juto già a cuccà, ‘a mugliera saglienno ‘e scale vedette ‘o munaciello dinto ‘a ‘na fenestella scura e cecata (murata). Turnaje abbascio, dinto â cucina e pigliaje ‘nu piatto cu pane e caso (formaggio), ‘nu bicchiere ‘e vino e ‘o apusaje dinto ‘a fenestella. ‘O Munaciello, cu ‘a scazzetta rossa ‘ncapa, s'affacciaie e le dicette: «Nun dicere niente a nisciuno, si no so' guaje!» Si se steva zitta isso l'avesse sempe aiutata e l'avesse sempe fatto ‘o buono. ‘A femmena dicette «Sì».

‘A matina appriesso quanno ‘a mugliera sé scietaie truvaie ‘o piatto vacante ma cù cinche (cinque) sorde d'oro. E accussì tutte ‘e sera ‘a mugliera appriparave cose bone p' ‘o Munaciello e isso tutte ‘e matine le faceva truvà cinche sorde d'oro, e' nun sulo... dinto ‘a nuttata ajutava p' è ‘cose ‘e casa, appriparava ‘e gliommere (gomitoli) ‘e lana ma, ogne notte nun mancava maje ‘e s'affaccià dint' ‘a camera d' ‘e duje giuvene, quanno loro steveno a... fa ‘e cose loro. Essa ‘o vedeva ma zitta e muta steve. ‘Nu juorno ‘o marito accummenciaie a sé dummannà addò ‘a mugliera pigliasse tutte chelli sorde. ‘E le dummanaje: «Mugliè ma oddó ‘e piglie ‘sti sorde?». Essa nun nce ‘o puteva dicere e accussì accuminciaiene a s'appiccecà (litigare).

Però ‘nu juorno se sfasteriaie ‘e s'appiccecà e dicette ‘a verità ô marito: «Dint'a ‘a casa nosta nce stà ‘nu Munaciello, stà dinto ‘a fenesta cecata, isso m'ha fatto prumettere ‘e nun dicere niente, ma si tu nun me crire quanno isso vene ogne notte dinto a camera nosta ‘a nce guardà io te tocco ‘o pere e accussi' tè vuote e pure tu ‘o può vede'». E accussì ‘a notte appriesso quanno ‘o Munaciello trasette dinto ‘a cammera ‘e lietto ‘a mugliera tuccaie c' ‘o pero suojo ‘o pero d' ‘o marito, isso sé vutaie ma ‘o moneco se n'addunaje ‘e dette nù sfaccimmo ‘e muorzo à ô pere d' ‘a mugliera.

Da chillu mumento accummenciaiene ‘e guaje, ‘a matina accare (invece) d' ‘e sorde ‘a femmena truvaie ‘o piatto rutto, ‘a casa sottencoppa, ‘e gliommere ‘e lana aggravugliate e munnezza ‘a tutte parte. ‘O Munaciello s'era miso ‘a scazzetta nera! Ogni notte e ogni matina era ‘a stessa storia. Marito ‘e mugliera nun sapevano cchiù che fa! Gira e vota, vota e gira se rassignareno e pensareno ‘e cagnà casa, truvareno ‘na casa nova nova abbascio Pelegna e accussì tutte cuntente pigliareno ‘na carretta e carrecareno tutta ‘ a robba ca teneveno e cuntente e priate s'abbiareno a capa abbascio a' jì a Pelegna. Ma quanno fujeno sotto ‘o Piennolo (frazione Pendolo) pe' ttramente ca ‘o marito teneva ‘a carretta, sentettero ‘na voce. ‘O Munaciello assettato ‘ ncoppa a ‘na seggia, c' ‘o cantero (vaso da notte) ‘mmano, cantava: «E mo' ce ne jammo â casa nova. E mo' ce ne jammo â casa nova. E mo' ce ne jammo â casa nova». ‘O munaciello era tutto cuntento.

Nota dello scrittore

Finita la storia. Vi aggiungo che i giovani sposi non riuscirono a liberarsi del Monaciello, anzi il marito andò talmente in contrasto con lui da sfidarlo apertamente. Cosi finì che una notte, nella casa di Pelegna, il Monaciello arrabbiatissimo chiamò in aiuto altri suoi amici. Quindi, a mezzanotte in punto, si accese il lume e sui due sposi si abbatterono tante ma tante legnate da ridurli entrambi neri di lividi. Gli sposi raccontavano che malgrado la luce del lume non si vedevano i bastoni né chi li usava, ma i colpi si sentivano eccome. La soluzione fu che il giorno dopo gli sposi dovettero lasciare la casa, andando a vivere lontano. Quella casa, che qualcuno di voi conosce, non è stata più abitata.

Grazie a Teo Giunchiglia che mi ha trasmesso il racconto fatto da sua nonna Giovanna Maria D'Auria (1931) e alla signora Rita Fierro (1942), nativa di Gete, a cui il racconto è stato trasmesso da sua madre Giulia Citarella, detta "Mammarella", che ha ne ha fornito una versione piuttosto completa. Un pensiero affettuoso ad Alfonso Apicella, mio fraterno amico, morto nel 1991 e a cui piaceva tantissimo questa storia che spesso ci facevamo raccontare da suo padre "Aniello ‘o presutto" di Casa Santa, sempre a Gete. Sempre un grazie di cuore a Sigismondo Nastri, che si presta a correggere l'ortografia delle mie "avventurose" traduzioni in Tramontano... del secolo scorso.

©Gennaro Pesacane

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

“'O Munaciello”: un’antica fiaba tramontana raccontata in dialetto da Gennaro Pesacane

rank: 103752109

Storia e Storie

Amalfi, Atrani e Sorrento negli anni trenta: le immagini di Paul Schulz / FOTO

Allegando le vedute, di proprietà della Fototeca della Biblioteca di Stato della Sassonia, il gruppo Cava Storie propone immagini dedicate ad Amalfi, Atrani e Sorrento, tre città incluse in quel "braccio" di terra che unisce le due Costiere e divide i golfi di Napoli e Salerno. L'autore, il tedesco Paul...

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

Amalfi, i mille volti del Duomo e della sua piazza nei disegni ottocenteschi / FOTO

Il Duomo di Amalfi ha subito, nel tempo, numerosi cambiamenti. In particolare l'ultimo trentennio dell'800, quando, a seguito di un crollo del frontale, avvenuto agli inizi degli anni sessanta del predetto secolo, vennero attivati importanti lavori fino al 1895. Il gruppo Cava storie, che ha lo scopo...

La Costiera Amalfitana negli anni cinquanta negli scatti realizzati da una fotografa tedesca

L'archivio della Biblioteca Hertziana - Istituto Max Planck di Roma è ricco di materiale riguardante luoghi d'interesse storico e artistico, tra cui una vasta collezione di immagini. Queste includono donazioni di fotografi e viaggiatori, come Ursula Wachtel, che ha realizzato migliaia di diapositive...

Positano il 31 dicembre 2014 si svegliava così: le immagini di Fabio Fusco

Nell'incantevole scenario della Costiera Amalfitana, Positano salutava l'ultimo giorno dell'anno in una maniera straordinariamente insolita nel 2014. Sono passati quasi 10 anni dall'inattesa nevicata che imbiancò la città verticale e le sue pittoresche stradine il 31 dicembre del 2014. Oggi invece le...

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.