Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Margherita Alac.

Date rapide

Oggi: 16 ottobre

Ieri: 15 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'AmalfiAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Petrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme. Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Amalfi News

Petrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme. Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Tu sei qui: Storia e StorieLa Feluca del Marchese Mezzacapo

Storia e Storie

La Feluca del Marchese Mezzacapo

Scritto da (mariaabate), lunedì 6 agosto 2018 12:48:27

Ultimo aggiornamento lunedì 6 agosto 2018 20:08:55

di Sigismondo Nastri©

Nel bel volume "Vele italiane della Costa occidentale", edito da Hoepli, dal quale è tratta l'immagine a corredo di questo post, c'è un intero capitolo dedicato alla feluca, un'imbarcazione nata come mezzo di trasporto, ausiliaria delle navi da guerra, ma anche di rappresentanza o di cerimonia. Come quella appartenuta ai marchesi Mezzacapo di Monterosso che a Maiori avevano palazzo (ora sede di rappresentanza del Comune) e castello (il grazioso castello Miramare, sulla linea di confine con Minori).
Alla morte dell'ultimo componente della famiglia, avvenuta credo a metà degli anni sessanta del secolo scorso, l'imbarcazione fu proposta in dono alla municipalità locale. Ricevendone questa risposta, imbarazzata e, soprattutto, imbarazzante: "E che ce ne facciamo?". La feluca, quindici metri di lunghezza, due emezzo di altezza, diciotto remi, conservata in un baracca posta sull'estremità occidentale del lungomare, accanto al convento San Francesco, fu rifiutata anche da qualche museo napoletano, dichiaratosi "non in grado di ospitarla". Avrebbe fatto una brutta fine senza l'intervento della Marina Militare e del direttore del Museo Navale di Venezia, barone Rubin de Cervin Albrizzi. Nel 1963, a bordo di una nave ausiliaria della Marina, fu trasportata nella città lagunare. Dove, ancora oggi, al Museo Navale, suscita l'ammirazione dei visitatori per le sue linee armoniose, per le fiancate scolpite, i fregi, le decorazioni.
Le cronache ricordano che, ai primi del XVIII il marchese Guido Mezzacapo, con questa feluca, di nome Luxoria, spinta dalla forza di diciotto vogatori, fece il viaggio da Maiori a Malta. In epoca più recente, nel 1921, la barca fu rimessa a mare per la processione del SS. Sacramento, lungo la Costa d'Amalfi, in occasione del I Congresso eucaristico diocesano.
Quanto ai marchesi Mezzacapo, essi hanno avuto un ruolo importante nella vita del territorio, non solo come proprietari di fondi agricoli (grandi produttori di limoni), ma anche per l'impegno politico. Da loro dipendevano quasi tutta l'economia di Maiori e buona parte della popolazione: lavoratori agricoli e le mitiche, eroiche trasportatrici di limoni (quelle che Peppino Di Lieto, in una poesia, ha battezzato "furmechelle"). Si diceva: "Ha mangiato 'o Marchese, ha mangiato tutta Majure".
Due esponenti della famiglia furono eletti alla Camera dei deputati: Francesco (VIII e IX legislatura del Regno, dal 1865 al 1867); Guido (XX e XXI legislatura, dal 1897 al 1904).

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Alla ricerca della Costiera Amalfitana per legami familiari perduti

In questo articolo vi proponiamo l’avvincente viaggio del reporter di "The Wall Street Journal" Michele Siconolfi (nella foto) alla ricerca delle proprie origini. Il suo cognome, infatti, trae origine dal nome di un principe longobardo, Siconolfo, che fece insediare suo fratello Sicardo ad Amalfi nell’Alto...

Storia e Storie

Furore e le sue origini: la furia degli abitanti contro il diavolo secondo la leggenda

(tratto da In viaggio con Wagner: Sulle orme del Parsifal di Miriam Cipriani) Furore è un piccolo comune che conta meno di mille anime con caratteristiche case in pietra sparse lungo il Vallone. Come molti paesi della Costiera Amalfitana, è caratterizzato da una zona abitata lungo il costone, fatta di...

Storia e Storie

La Ravello delle Ville, immagine di ricchezza e potenza

(tratto da In viaggio con Wagner: Sulle orme del Parsifal di Miriam Cipriani) Ravello è uno degli splendidi piccoli paesi posti al centro della Costiera Amalfitana, maestosamente incastonato tra le ripide pareti nella costa meridionale della penisola sorrentina che chiude il Golfo di Napoli protendendosi...

Storia e Storie

Atrani e la sua suggestiva storia: da sede della “potestà pubblica” a rifugio di Masaniello

(tratto da In viaggio con Wagner: Sulle orme del Parsifal di Miriam Cipriani, pp. 171-172) Atrani, con meno di 1000 abitanti e con un’estensione che è meno di un quarto di chilometro quadrato, è considerato il più piccolo comune dell'Italia Meridionale per estensione territoriale. È un villaggio con...

La cultura in Costiera Amalfitana passa per il Ravello Festival edizione 2018Antica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana