Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 10 ore fa

Date rapide

Oggi: 29 febbraio

Ieri: 28 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Small Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAOfferta Granato Caffè a cialde con macchina FrogHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Racconti d'aMareAmalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Racconti d'aMare

Amalfi, storia, Flavio Gioia, Regio Incrociatore

Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola

L’Ancora tipo “Ammiragliato”, sita in prossimità del monumento ai caduti a Piazza Municipio, dovrebbe appartenere al R. Incrociatore “Flavio Gioia” ma di questo, non avendo evidenza documentata, non ne sono sicuro; di certo dovrebbe essere restaurata. Nella nostra Marina Militare, un’ancora simile è in dotazione solo alla nave scuola “Amerigo Vespucci”

Inserito da (PNo Editorial Board), giovedì 22 giugno 2023 18:47:00

Di Salvatore Barra*

Il Regio Incrociatore "Flavio Gioia" fu impostato nel cantiere navale di Castellammare di Stabia il 9 dicembre 1879 e varato la domenica 12 giugno del 1881. Alla cerimonia del varo partecipò un'enorme folla accorsa da Castellammare di Stabia e zone limitrofe. Una moltitudine di navi minori assistette alla cerimonia dal mare. Alle 11 di quella domenica Mons. Sarnelli, Vescovo di Castellammare, benedisse lo scafo. Alle 14.10 si tolsero gli ultimi puntelli ed il capo operaio gridò la formula sacramentale "In nome di Dio, tagliate le gomene!". Da un capo e dall'altro due nerboruti artigiani presero affilate asce. Un lampo, un colpo secco ed il Flavio Gioia restò in balia di sé stesso, sciolto da qualsiasi legame, si avviò lentamente verso il mare, per la prima volta. Le Regie Navi "Duilio", "Affondatore" e "Principe Amedeo", presenti alla cerimonia, salutarono l'evento con salve di cannone. Lo scafo in acciaio lungo f.t. 84,50 metri (fuori tutto, cioè dalla punta dell'albero di bompresso fino all'estrema poppa), la larghezza di 12,78 metri e l'immersione di 5,48.

La nave fu progettata a propulsione mista a vapore (4156 Cavalli Vapore di potenza, alimentata da otto caldaie) ed a vela (due alberi a vele quadre ed uno a vele Auriche), era armata con otto cannoni da 150/40mm e tre da 75 mm, mitragliette e tubi lanciasiluri, con equipaggio formato da 268 uomini, di cui 11 ufficiali. Poteva sviluppare una velocità di circa 14 nodi.

Progettato dall'Ispettore del Genio Navale Carlo Vigna, il Flavio Gioia completò l'allestimento il 26 gennaio 1883 - fu considerato il Primo Incrociatore Italiano.

Il 4 novembre 1883 il Regio Incrociatore "Flavio Gioia", mentre era alla fonda nella rada di Amalfi, ricevette dal Sindaco, Avv. Ferdinando Gambardella, la Bandiera di combattimento*, "in seta, con stemma della città di Amalfi nel campo verde e ricamato, a lettere d'oro, la leggenda: Amalfi al Flavio Gioia".

Questo fu il messaggio del Sindaco di Amalfi a Sua Maestà Umberto I di Savoia, Re d'Italia, in occasione della Consegna della bandiera di combattimento* al Regio Incrociatore "FLAVIO GIOIA":

"Sire, la città di Amalfi, a mezzo mio, nel compiere oggi solenne cerimonia consegna Bandiera di Combattimento* donata da questo Municipio al R. Incrociatore FLAVIO GIOIA, cittadino Amalfitano, con entusiasmo ed esultanza, invia un saluto di affetto e di devozione a Vostra Maestà ed alla Real Casa Sabauda, sotto il cui vessillo l'Italia ritrova forza, grandezza e prosperità".

*secondo la tradizione La bandiera di combattimento, dalle grandi dimensioni rispetto a quelle comuni, veniva realizzata con le migliori stoffe, finemente ricamate e dai colori sgargianti; essa, dopo la consegna, era custodita in un bauletto e doveva essere usata solo in caso di combattimento.

Il Regio Incrociatore "Flavio Gioia" dal 1892 venne impiegato come Nave Scuola, partecipò a campagne addestrative (circumnavigando più volte il mondo) e missioni di guerra in America Centrale, nel Mediterraneo e durante la prima guerra mondiale. Nel 1920, in sosta nel porto di Napoli, fu utilizzato da nave casermaggio, dando ospitalità ai bambini orfani della "grande guerra". Nel 1923 la nave fu radiata e demolita; ma la sua leggenda continua, pur non avendo avuto altre Unità Militari recanti questo glorioso nome: Infatti nel 1925 si decise di costruire le Navi Scuola "Amerigo Vespucci" e "Cristoforo Colombo" con l'intenzione di sostituire le Navi Scuola Gemelle "Flavio Gioia" e "Amerigo Vespucci", ispirandosi ad esse e migliorando il progetto di quest'ultime.

Il varo della nuova nave scuola "Amerigo Vespucci" (definita da tanti "La Nave più bella del Mondo") avvenne il 22 Febbraio 1931 nei cantieri navali di Castellammare di Stabia. L'attuale motto di quest'unità è "Non quello che comincia ma quel che persevera", ma dal 1946 al 1978 il precedente motto era stato "Saldi nella furia dei venti e degli eventi", lo stesso del Regio Incrociatore "Flavio Gioia".

"Il Ministro della Marina con dispaccio 20 settembre 1921 n° 16748 aderendo alla richiesta del Comune affidò la Bandiera di Combattimento col relativo cofano che già appartenne alla R. Nave "Flavio Gioia", nonché la Chiesuola e Bussola dello stesso Incrociatore, in seguito al disarmo della detta Nave. La Consegna avrà luogo il 25 giugno 1922 alle ore 10.30". Per l'occasione il Sindaco Girolamo Gambardella, per mezzo di Pubblico manifesto, invitò la cittadinanza e le associazioni a "rendere degna e partecipazione accoglienza" all'arrivo dei cimeli presso il pontile di approdo (molo Pennello). Presero parte all'evento il Ministro della Marina Roberto de Vito, L'Ammiraglio Acton, Comandante in Capo del Dipartimento marittimo di Napoli, il Generale Albricci e il Prefetto di Salerno. L'evento fu largamente riportato dalla stampa. "Ritornano a te, o Amalfi, gloriosa fra le città marinare i cimeli che un giorno la tua gente consegnò quale pegno d'onore ai figli del mare" (da il Mattino del 26 Giugno 1922). (fonte Comune di Amalfi)

La Bussola, di cui si parla sopra, è esposta al Museo della Bussola e del Ducato Marinaro di Amalfi, sito negli Arsenali dell'antica Repubblica Marinara, appartiene quindi all'Incrociatore Flavio Gioia e non, come erroneamente riportato, al Regio Incrociatore Corazzato "Amalfi" - affondato il 7 luglio 1915 (vedi foto). Il prezioso e importante cimelio ottocentesco, strumento di navigazione del R. Incrociatore "Flavio Gioia" appare in condizioni a dir poco pietose e avrebbe bisogno di un corposo quanto indispensabile restauro. I valori e le direzioni della Rosa dei Venti risultano di difficile lettura, le proprietà direttive magnetiche andrebbero verificate e corrette. Credo che la Bussola Nautica dell'Incrociatore "Flavio Gioia", ad Amalfi da oltre un secolo, non abbia mai avuto un intervento di restauro, e questo lo trovo semplicemente vergognoso. Sulla medaglia ricordo del "Flavio Gioia", datata 1916, si nota la stessa Bussola che oggi è esposta ad Amalfi. Altri Cimeli esposti potrebbero essere i Sestanti, mentre la Bandiera di Combattimento del Regio Incrociatore "Flavio Gioia" non ricordo di averla mai vista e nutro forti dubbi sulla sua esistenza.

L'Ancora tipo "Ammiragliato", sita in prossimità del monumento ai caduti a Piazza Municipio, dovrebbe appartenere al R. Incrociatore "Flavio Gioia" ma di questo, non avendo evidenza documentata, non ne sono sicuro; di certo dovrebbe essere restaurata. Nella nostra Marina Militare, un'ancora simile è in dotazione solo alla nave scuola "Amerigo Vespucci".

Noto con rammarico che, nel Museo "della bussola e del ducato marinaro di Amalfi", luogo ideale per esporre, mantenere e trasmettere ai posteri la memoria storica di tutte le testimonianze marinare passate, non vi è nessuno accenno (modellini o fotografie) che richiami i due Incrociatori "Flavio Gioia" e "Amalfi" (di cui scriverò separatamente).

Lo Stato italiano e la Marina Militare Italiana vollero onorare la città di Amalfi, nominando due prestigiose Navi ("Flavio Gioia" ed "Amalfi"), riscattando nel 1929 le Tavole Amalfitane (Primo codice della Navigazione) dal governo Austriaco, ponendo sulla Bandiera Navale e Mercantile lo stemma delle quattro repubbliche marinare, in virtù degli importanti contributi dati, scientifici, civili e marinareschi, nel corso della sua gloriosa storia Repubblicana e medievale.

Recentemente ho chiesto a molti amalfitani se fossero a conoscenza dell'esistenza dell'Incrociatore "Flavio Gioia", solo pochissime persone mi hanno risposto di sì. Ecco, lo scopo di questo mio scritto è quello di far rivivere ai lettori e far conoscere ai più giovani la gloria di una grande Nave che, tra l'altro, ebbe tra i cadetti due medaglie d'oro della Seconda guerra mondiale: l'Ammiraglio Federico Martinengo ed il Capitano di Fregata Pietro De Cristofaro. Spero di esserci riuscito.

- Fine prima parte -

*Capitano Superiore di Lungo Corso

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola
Amalfi e Flavio Gioia – Parte Prima. La (gloriosa) storia del Regio Incrociatore intitolato al leggendario inventore della bussola

rank: 1072122107

Racconti d'aMare

La nuova nave MSC porta il nome dell’amalfitana Vivienne, figlia del Capitano Barra /FOTO

Di Salvatore Barra* Da ragazzo, neanche con la più grande fantasia avrei immaginato come si sarebbe svolta la mia vita futura. Sono stato da sempre di carattere timido, in particolare nel periodo adolescenziale, non tenendo conto che un'altra parte di me era fatta di tenacia e forza di volontà. Tenacia...

Inventata secoli fa ma tuttora indispensabile: la bussola nautica vissuta e descritta da un uomo di mare

Di Salvatore Barra* La Bussola è uno strumento nautico di precisione che ci permette di seguire la Rotta Vera sulle carte nautiche, quindi di effettuare viaggi e navigare da un punto di partenza verso un punto di destinazione sulla superficie terrestre. La bussola è impiegata anche sulla terra ferma...

Da Amalfi gira il mondo da oltre 40 anni, il capitano Salvatore Barra curerà una rubrica sul mare: «Vi racconto la mia vita deframmentata»

Originario di Amalfi, gira il mondo in mare da più di 40 anni. E lo fa in qualità di Capitano Superiore di Lungo Corso. Stiamo parlando del capitano Salvatore Barra, che onorerà "Il Vescovado" di una rubrica sul mare e sulle proprie esperienze sul campo. Nato nel 1958, Barra abitava in una casetta poco...

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.