Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 2 giorni fa S. Bernardino da Siena

Date rapide

Oggi: 20 maggio

Ieri: 19 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Small Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Sunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: AttualitàRiflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Attualità

Amalfi, costiera amalfitana, pace, guerra, Ucraina

Riflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi

Ospite speciale, Padre Enzo Fortunato che ha spiegato come è nata in lui l’idea di organizzare un viaggio missionario che lo ha portato a toccare con mano le ferite impresse sui volti e nelle anime delle persone incontrate nella martoriata Ucraina.

Inserito da (PNo Editorial Board), giovedì 23 marzo 2023 08:45:59

Di Gennaro Esposito, presidente del Forum dei Giovani di Amalfi

 

Sabato scorso, nella splendida cornice degli Arsenali della Repubblica, si è tenuto un convegno sulla pace con il quale è stato analizzato da un punto di vista storico-politico il conflitto russo-ucraino, ribadendo l'urgenza di coltivare la cultura della pace non solo tra i popoli e le nazioni, ma a partire dal cuore dell'uomo.

Al convegno hanno preso la parola, catturando da subito l'attenzione e la simpatia dei presenti, due volti noti della Costa d'Amalfi e non solo: Padre Enzo Fortunato, già portavoce del Sacro Convento di Assisi, ed il Professore Giuseppe Gargano, storico medievalista e presidente onorario del centro di cultura e storia amalfitana.

Il convegno, promosso dal Forum dei giovani di Amalfi, si è aperto con la recitazione a tre voci, da parte dell'associazione culturale Kaleidos, di un testo scritto da Alfonso Minutolo, che ha saputo con le parole trasmettere immagini forti che hanno ripercorso le crudeltà e le atrocità che porta con sé ogni guerra, purtroppo compagna inseparabile dell'umanità nel corso della storia.

Successivamente ha preso la parola Gennaro Esposito - Presidente del Forum dei Giovani di Amalfi - che ha dato il benvenuto e rivolto il suo ringraziamento alle autorità, agli ospiti presenti e a tutti coloro che hanno dato il proprio contributo silenzioso ed indispensabile per la buona riuscita del convegno, con l'augurio che questo evento culturale potesse essere il primo di una lunga serie di momenti di confronto, dialogo e di crescita personale e comunitaria. Il Presidente del Forum dei Giovani ha continuato il suo breve intervento ribadendo che per costruire un mondo di pace occorre incominciare dal "piccolo mondo" nel quale ciascuno è immerso ogni giorno, cercando di essere semplici e umili operai al servizio della Fabbrica della Pace. Ciascuno, infatti, è chiamato ad essere "artigiano della pace" nel quotidiano: valorizzando il dialogo tra le generazioni, necessario per la realizzazione di progetti condivisi; promuovendo l'educazione come fattore di libertà, responsabilità e sviluppo; sostenendo il lavoro, necessario per la piena realizzazione della dignità umana.

Presente al convegno anche il Dott. Daniele Milano - Sindaco di Amalfi -, che onorandoci della sua presenza, ha aperto il suo intervento facendo riferimento all'eterogeneità delle iniziative messe in campo dal Forum dei Giovani, che sembrano ben interpretare le diverse inclinazioni dei soci di questo neonato organismo di partecipazione alla vita ed alle Istituzioni democratiche, che concorre a promuovere il pieno sviluppo della persona umana attraverso una politica attiva del tempo libero e della vita associativa.

Proprio l'apertura all'eterogeneità, richiamata dal Sindaco, potrebbe essere la chiave di svolta per guardare con speranza ad un mondo in cui non si abbia più il timore di vedere in futuro le atrocità e le crudeltà delle guerre, che portano sempre con sé distruzione e dolore, paura e sofferenza.

La Pace, costruita sulle macerie della guerra, non può essere mai definita una vera vittoria. Quando scoppia una guerra, infatti, è sconfitta la storia, è sconfitta la civiltà ed è sconfitto l'uomo che ancora una volta ha preferito, per interessi economico-politici o per ideologie perverse, mettersi al servizio della Fabbrica delle armi e della guerra.

Come sottolineato dal Presidente del Forum dei giovani, ad un anno dall'invasione dell'Ucraina da parte dell'esercito russo, la Pace sembra la grande sconfitta. Forse, però, come sottolinea il Sindaco nel suo intervento, è più corretto definire la Pace come la grande assente.

Un adagio popolare della nostra terra recita infatti così: "il mondo non è mai stato in pace". Se questo è vero, è altrettanto doveroso che ognuno si impegni a mettere da parte interessi personali e nazionali per prediligere sempre ed in ogni circostanza il dialogo, con il quale molte guerre si sarebbero potute evitare o almeno non inasprire.

Dopo i saluti di benvenuto, hanno preso la parola il Professore Giuseppe Gargano e Padre Enzo Fortunato, che, con la propria cultura e le proprie esperienze, sono riusciti a cogliere con i loro interventi il cuore delle domande poste loro da Andrea Galileo, che ha saputo ben inserirsi ed amalgamarsi tra gli interventi degli ospiti.

Il Professore Gargano, che ringraziamo per aver accolto con la sua consueta disponibilità il nostro invito a partecipare al convegno, ha sottolineato da attento studioso e conoscitore della storia come le guerre si siano sempre affacciate "con prepotenza" sull'umanità nel corso dei secoli, soffermandosi sui concetti del bellum iustum e iustum in bello, invitandoci a riflettere come queste due espressioni latine non appartengono solo ad un'epoca lontana ma costituiscono il cuore di domande cruciali che, purtroppo, ci poniamo ancora oggi quando l'ombra della guerra si riaffaccia sull'umanità, imprigionando l'uomo nelle carceri del dolore e dell'incertezza del domani.

Il Professore Gargano, dopo aver sapientemente ripercorso la complessa situazione geo-politica che ha portato all'inasprirsi della guerra in Ucraina, iniziata de facto nel febbraio del 2014 e che dal febbraio 2022 vede fronteggiare le truppe regolari dei due paesi dell'Europa orientale, ha concluso con una ferma e decisa condanna della guerra, che non ha mai veri vincitori. Da ogni guerra, infatti, tutte le parti in essa coinvolte escono sconfitte in termini di perdite di vite umane, di crudeltà perpetrate e di regresso della civiltà.

Concluso l'attento intervento del Professore Giuseppe Gargano, prende la parola Padre Enzo Fortunato, figlio della nostra terra che ha rimarcato il suo forte legame con la Divina Costiera, dove è sempre felice di ritornare. Padre Enzo inizia il suo intervento spiegandoci come è nata in lui l'idea di organizzare un viaggio missionario che lo ha portato a toccare con mano le ferite impresse sui volti e nelle anime delle persone incontrate nella martoriata Ucraina. Padre Enzo prosegue il suo intervento, sottolineando come il pericolo e la minaccia della guerra sono sempre in agguato e come spesso non riusciamo a leggere ed intervenire in tempo quando emergono sullo scenario della storia quei segnali che lasciano presagire che una guerra è alle porte. Dalle parole di Padre Enzo, che ha condiviso con noi le sue esperienze missionarie, è emerso un messaggio che credo sia quello che avremmo dovuto cogliere ascoltando le sue parole dal primo istante. A mio avviso Padre Enzo ha lasciato trasparire che per risolvere una guerra o per evitarne altre c'è bisogno non solo di dialogare, ma è necessario un atteggiamento improntato sull'umiltà, che deve essere vera ed autentica. In particolare sono chiamati all'umiltà i potenti della terra e tutti coloro che hanno responsabilità politiche e di governo delle nazioni, i quali non devono rinchiudersi nelle proprie idee ma devono cercare il confronto ed il dialogo con gli altri.

Spesso sentiamo parlare della necessità di un tavolo di dialogo tra tutte le parti coinvolte nel conflitto che da più di un anno sta devastando il territorio ucraino. A conclusione di questo convegno forse abbiamo maturato una consapevolezza più profonda: è necessaria l'umiltà, perché senza umiltà non è possibile gettare le basi per intessere un sano dialogo, fondamentale per avviare lo "smantellamento" della crudele guerra in corso nel cuore dell'Europa.

La serata si è conclusa con un secondo monologo recitato dall'associazione Kaleidos che, dando voce ad alcune toccanti immagini proiettate in un video preparato dai giovani del Forum di Amalfi, ha sottolineato come la povertà e la disuguaglianza sono spesso il piccolo seme da cui nasce la guerra, devastante e crudele.

Doveroso è un ricordo di tutte le vittime della guerra in Ucraina e di tutti i focolai che da Oriente ad Occidente minacciano il nostro pianeta, che si trova ad essere terreno di una terza guerra mondiale a pezzetti, come spesso ci ricorda Papa Francesco, e l'amara realtà è che, come sottolineato dal Professore Gargano, nella maggior parte dei casi non si tratta di guerre di sopravvivenza, ma di guerre per il dominio. Questo ci lascia molto pensare... L'uomo sembra quasi essere fedele alleato della guerra e della corsa agli armamenti: è una frase forte che vuole scuotere le coscienze di tutti a cambiare non solo rotta, ma a "cambiare strada" perché ad una stessa meta si può arrivare in modi diversi: l'augurio è che si possa raggiungere la pace con un abbandono definitivo delle armi, affinché queste non siano più strumento di offesa che calpesta la sacralità della vita umana.

Tutti gli uomini hanno una vocazione alta, che certamente non è quella di essere schiavi inermi al servizio delle guerre e del denaro. Ciascuno infatti è chiamato sempre a ripudiare la guerra, impegnandosi con discrezione a costruire un edificio di pace, che riconosca le sue fondamenta nella speranza e nell'impegno per il bene comune.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Riflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi
Riflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi
Riflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi
Riflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi
Riflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi
Riflessioni sulla guerra in Ucraina nel Convegno sulla Pace organizzato dal Forum dei Giovani di Amalfi

rank: 106210107

Attualità

«Non esistono droghe "pesanti" e "leggere"»: dal Forum dei Giovani di Amalfi un appello a tenersi distanti dalle dipendenze

«Non esistono droghe pesanti e droghe leggere». È questo il messaggio che il Procuratore della Repubblica di Avellino Domenico Airoma ha voluto lanciare da Amalfi, dove ieri, 17 aprile, si è tenuto l'incontro "Dalle tenebre alla luce: oltre le dipendenze" promosso dal Forum dei giovani. La magistratura...

Ad Amalfi si parla di droghe, alcolismo e ludopatia. Capitano Bonsignore: «Informare sui rischi è importante per arginare le dipendenze»

Ampia partecipazione ieri, 17 aprile, all'incontro organizzato dal Forum dei giovani di Amalfi e denominato "Dalle tenebre alla luce: oltre le dipendenze". L'obiettivo principale è stato quello di offrire non solo una comprensione più approfondita delle dipendenze, ma anche di fornire soluzioni concrete...

La Costa d’Amalfi e il limone IGP protagonisti di “È sempre mezzogiorno” grazie a Sal De Riso

È stato Sal De Riso, oggi, ad aprire la puntata di "È sempre mezzogiorno", su Rai Uno, annunciando che avrebbe preparato il tiramisù al limone della Costiera Amalfitana. Durante la trasmissione, poi, è andata in onda la consegna della "Golosa alle fragole" che il Maestro Pasticcere AMPI aveva preparato...

Il nuovo obiettivo di ENPA Costa d'Amalfi: svuotare i canili tramite le adozioni

«La nostra intenzione è quella di svuotare i canili convenzionati in cui i Comuni della Costiera Amalfitana portano i cani randagi, tramite le adozioni». Ad annunciarlo, in una dichiarazione resa a "Il Vescovado", è Benedetto Amato, presidente dell'ENPA Costa d'Amalfi, che racconta come, tramite la creazione...

Amalfi celebra la Giornata della Memoria con un concorso per le scuole e le nuove acquisizioni in Biblioteca Comunale

Il Comune di Amalfi, guidato dal Sindaco Daniele Milano, commemora le vittime dell'Olocausto attraverso la scuola e la cultura. Spazio alla creatività dei ragazzi, in tutte le sue forme artistiche, per rielaborare uno dei momenti più oscuri e tragici della Seconda Guerra Mondiale, ma soprattutto per...

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.