Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Amalfi News - Il Magazine della Costa d'Amalfi Il Magazine della Costa d'Amalfi

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury HotelPasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Sunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: AttualitàFurore, l'Hostaria di Bacco è il primo "albergo dipinto" della Costiera Amalfitana

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyVilla Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Zia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad Amalfi

Attualità

Costiera Amalfitana, Furore, albergo, murales

Furore, l'Hostaria di Bacco è il primo "albergo dipinto" della Costiera Amalfitana

Il patron Domenico Ferraioli: "Nostro obiettivo costituire un'associazione nazionale degli alberghi dipinti"

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), mercoledì 5 aprile 2023 12:08:08

L'arte dei murales, i rassicuranti paesaggi dai colori pastello e le inebrianti melodie della canzone napoletana, si fondono all'Hostaria di Bacco, primo albergo dipinto della Costiera Amalfitana. Lo storico indirizzo furorese, fondato nel 1930, ormai quasi un secolo fa, e gestito dalla famiglia Ferraioli, è da sempre un punto di riferimento dell'ospitalità e dell'enogastronomia nella Divina.

Rinnovato profondamente negli interni, l'albergo che fu di Raffaele Ferraioli, padre del turismo esperienziale nella Divina, prova a esprimere, nei suoi ambienti, la tradizione di Furore "paese dipinto".

Il concept che ha reso nota la città del fiordo nel mondo, con il suo magico combinarsi di colori in racconti visivi sospesi tra storia, fantasia e leggenda, approda, dunque, anche nelle camere dello storico albergo, rendendole ancor più solari nel loro protendersi verso la distesa infinita del "mare nostrum" che si staglia all'orizzonte.

L'Hostaria, dopo la scomparsa, avvenuta poco più di un anno fa, del suo storico patron, Raffaele Ferraioli, che diede vita alla tradizione dei murales a Furore durante la sua esperienza da sindaco, torna, dunque, sotto la guida del figlio Domenico, a interpretare al meglio una ricchezza divenuta parte integrante dell'identità territoriale e culturale cittadina.

E a dipingere le camere dell'albergo con meravigliosi murales sono stati alcuni degli artisti che, nel corso degli ultimi quarant'anni, hanno realizzato i murales che ornano le strade del paese dipinto.

Le camere

Le nove camere dell'albergo dipinto sono denominate con alcuni classici della canzone partenopea, a testimoniare il profondo e armonico legame tra l'arte visiva e quella musicale, che da Bacco si fondono in un'autentica simbiosi.

La prima camera è la "Pupatella", ispirata all'omonimo brano di Libero Bovio del 1916: il dipinto al suo interno è realizzato da Mary Cinque, artista agerolese, che raffigura uno scorcio di Furore.

La seconda camera prende il nome di "Ciaciarella", che riprende la "Sciasciarella" presentata al Festival di Napoli del 1952 dal duo Cioffi-Pisano: il dipinto è dell'artista siciliano Salvo Caramagno, già autore di murales a Furore. Una delle caratteristiche di quest' artista è la "morbidezza" delle figure.

La terza camera è la "Cerasella": a realizzare i dipinti al suo interno, l'artista napoletana Carla Viparelli, che nel realizzarla si è ispirata all'opera ed all'omonima canzone con l'opera "Limoni e Cerasella". Il nome, inconfondibile, è quello della canzone lanciata da Gloria Christian e Wilma De Angelis al Festival di Napoli del 1959.

La quarta camera è la "Nannarella", liberamente ispirata sia alla canzone napoletana "Nannarè" dei Musicanova, e dedicata ad Anna Magnani, nota con questo soprannome.

L'attrice romana, infatti, si recò a lungo a pranzo o a cena all'Hostaria di Bacco nel 1948, durante le riprese del film "L'Amore" di Federico Fellini: ordinava sempre mezza porzione dei ferrazzuoli con pancetta di pesce spada affumicato, pinoli, uva passa, rucola e pomodorini a lei dedicati.

L'opera all'interno della camera è realizzata dall'artista Vito Barra, e ritrae pescatori al fiordo di Furore.

La quinta camera è la "Scugnizzella", ispirata all'omonima canzone napoletana. Così s'intitola anche l'opera realizzata dall'artista Nadia Farina, che si ispira al tema del risveglio.

La sesta camera è la "Suspiratella", dipinta dall'artista Alberto Silvestri, nato ad Angri, in provincia di Salerno, ma ormai stabilitosi da anni sui Monti Lattari, ad Agerola dove attualmente vive con la sua famiglia. L'opera rappresenta il Fiordo di Furore in una rappresentazione originale caratteristica dell'artista, e ispirazioni derivate dalla canzone napoletana, composta da Giuseppe Cioffi nel 1956, che dà il nome alla camera.

La settima camera è la "Maruzzella".

L'artista è Luca Mancini, l'opera al suo interno è realizzata con la tecnica del pixel, caratteristica di quest' artista, e si ispira al nome della camera e della canzone composta da Renato Carosone nel 1954. Il murales raffigura una figura mitico-allegorica, una donna che fuoriesce dal corpo di una chiocciola.

L'ottava camera è la "Nnamuratella". L'artista che ha realizzato l' opera omonima al suo interno è Paolo Sandulli: questa è ispirata al nome della stanza e dell'omonima canzone, presentata al festival di Napoli del 1961 e cantata, nell'occasione, da Fausto Cigliano e Luciano Glori, raffigura due innamorati che si abbracciano mentre sono in mare.

La nona camera, la "Maliziusella", è, invece, ancora in cerca d'autore. Rilevante, nella realizzazione dell'albergo dipinto, è stato anche il contributo di Sasà Sorrentino, artista che sta realizzando il bancone della reception e l'architetto Andrea Florio, agerolese, purtroppo scomparso, che ha realizzato il bancone del bar in collaborazione con l'artista incisore del legno Davide Iaione.

Ha collaborato alla realizzazione dell'Albergo Dipinto di BaccoFurore lo studio di architettura DECA di Castellammare di Stabia

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Amalfi News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 109042100

Attualità

Sistema Amalfi, nuova veste per la società in house del Comune

La società in house del Comune "Amalfi Mobilità" cambia denominazione e diventa "Sistema Amalfi", per effetto del conferimento da parte del Comune di nuove e importanti competenze come quelle legate alla promozione della Città, cui afferiscono la D.M.O. (Destination Management Organization) e l'info...

Allarme vermocane: del suo avvistamento in Costiera avevano parlato i subacquei Pasquale Fraulo e Carlo Mancuso

Dopo il granchio blu, è allarme vermocane. Un particolare organismo che i subacquei della Sezione di Amalfi della Lega Navale Italiana più di una volta hanno avvistato tra Praiano e Furore. L'Hermodice carunculata (questo è il nome scientifico) è un verme marino errante appartenente alla classe dei Policheti,...

«Non esistono droghe "pesanti" e "leggere"»: dal Forum dei Giovani di Amalfi un appello a tenersi distanti dalle dipendenze

«Non esistono droghe pesanti e droghe leggere». È questo il messaggio che il Procuratore della Repubblica di Avellino Domenico Airoma ha voluto lanciare da Amalfi, dove ieri, 17 aprile, si è tenuto l'incontro "Dalle tenebre alla luce: oltre le dipendenze" promosso dal Forum dei giovani. La magistratura...

Ad Amalfi si parla di droghe, alcolismo e ludopatia. Capitano Bonsignore: «Informare sui rischi è importante per arginare le dipendenze»

Ampia partecipazione ieri, 17 aprile, all'incontro organizzato dal Forum dei giovani di Amalfi e denominato "Dalle tenebre alla luce: oltre le dipendenze". L'obiettivo principale è stato quello di offrire non solo una comprensione più approfondita delle dipendenze, ma anche di fornire soluzioni concrete...

La Costa d’Amalfi e il limone IGP protagonisti di “È sempre mezzogiorno” grazie a Sal De Riso

È stato Sal De Riso, oggi, ad aprire la puntata di "È sempre mezzogiorno", su Rai Uno, annunciando che avrebbe preparato il tiramisù al limone della Costiera Amalfitana. Durante la trasmissione, poi, è andata in onda la consegna della "Golosa alle fragole" che il Maestro Pasticcere AMPI aveva preparato...