Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 13 ore fa S. Damiano Martire

Date rapide

Oggi: 26 settembre

Ieri: 25 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi NewsAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Petrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme. Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Amalfi News

Petrillo Moda con le migliori marche italiane e straniere è garanzia di stile, eleganza e convenienza e, con un'esposizione di oltre 400mq, vale una visita a Contursi Terme. Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Tu sei qui: Storia e Storie“'O Munaciello”: un’antica fiaba tramontana raccontata in dialetto da Gennaro Pesacane

Storia e Storie

“'O Munaciello”: un’antica fiaba tramontana raccontata in dialetto da Gennaro Pesacane

Scritto da (mariaabate), venerdì 18 maggio 2018 15:30:26

Ultimo aggiornamento venerdì 18 maggio 2018 16:19:06

‘O Munaciello era âuto tre parme (palmi), teneva ‘a capa longa ‘nu ‘nzirracchio (misura ottenuta estendendo pollice ed indice), era camuso (naso schiacciato e ricurvo in basso ma, a Tramonti "camuso" era spesso detto anche di chi aveva la progna) e' era pure zelluso (mancava di capelli a chiazze). Pe' sé accummiglià ‘a zella purtava sempe ‘na scazzetta n'capa. Si steva cuntento sé metteva chella rossa, si steva ‘nfrevato s'à metteva nera. Jeve vestuto sempe ‘a prevetariello e teneva pure ‘na bella panzella. Sempe ascavezo girava p' 'a casa senza se fa vede' e senza dà passe, sciuliava. Steva fora ‘o suppuorteco a Jete, dinto a ‘na casa ‘e duie giuvene frische 'nzurate.

Ogni notte jeva a scutulià (infastidire) ‘a mugliera: quanno ncè tirava ‘e capille, quanno nu buffetiello, quanno ‘a cuccecava sotto ‘a ‘nu pere, quanno lle tuccava ‘o pietto. Però ‘a vuleva bene, dinto ‘a casa nun faceva maje mancà niente, quanno ‘e fasule o l'uoglio steveno pe' fernì, ‘a sacchetella e ‘o ziro sé regnevano ‘n'ata vota. ‘Na sera ca ‘o marito s'era juto già a cuccà, ‘a mugliera saglienno ‘e scale vedette ‘o munaciello dinto ‘a ‘na fenestella scura e cecata (murata). Turnaje abbascio, dinto â cucina e pigliaje ‘nu piatto cu pane e caso (formaggio), ‘nu bicchiere ‘e vino e ‘o apusaje dinto ‘a fenestella. ‘O Munaciello, cu ‘a scazzetta rossa ‘ncapa, s'affacciaie e le dicette: «Nun dicere niente a nisciuno, si no so' guaje!» Si se steva zitta isso l'avesse sempe aiutata e l'avesse sempe fatto ‘o buono. ‘A femmena dicette «Sì».

‘A matina appriesso quanno ‘a mugliera sé scietaie truvaie ‘o piatto vacante ma cù cinche (cinque) sorde d'oro. E accussì tutte ‘e sera ‘a mugliera appriparave cose bone p' ‘o Munaciello e isso tutte ‘e matine le faceva truvà cinche sorde d'oro, e' nun sulo... dinto ‘a nuttata ajutava p' è ‘cose ‘e casa, appriparava ‘e gliommere (gomitoli) ‘e lana ma, ogne notte nun mancava maje ‘e s'affaccià dint' ‘a camera d' ‘e duje giuvene, quanno loro steveno a... fa ‘e cose loro. Essa ‘o vedeva ma zitta e muta steve. ‘Nu juorno ‘o marito accummenciaie a sé dummannà addò ‘a mugliera pigliasse tutte chelli sorde. ‘E le dummanaje: «Mugliè ma oddó ‘e piglie ‘sti sorde?». Essa nun nce ‘o puteva dicere e accussì accuminciaiene a s'appiccecà (litigare).

Però ‘nu juorno se sfasteriaie ‘e s'appiccecà e dicette ‘a verità ô marito: «Dint'a ‘a casa nosta nce stà ‘nu Munaciello, stà dinto ‘a fenesta cecata, isso m'ha fatto prumettere ‘e nun dicere niente, ma si tu nun me crire quanno isso vene ogne notte dinto a camera nosta ‘a nce guardà io te tocco ‘o pere e accussi' tè vuote e pure tu ‘o può vede'». E accussì ‘a notte appriesso quanno ‘o Munaciello trasette dinto ‘a cammera ‘e lietto ‘a mugliera tuccaie c' ‘o pero suojo ‘o pero d' ‘o marito, isso sé vutaie ma ‘o moneco se n'addunaje ‘e dette nù sfaccimmo ‘e muorzo à ô pere d' ‘a mugliera.

Da chillu mumento accummenciaiene ‘e guaje, ‘a matina accare (invece) d' ‘e sorde ‘a femmena truvaie ‘o piatto rutto, ‘a casa sottencoppa, ‘e gliommere ‘e lana aggravugliate e munnezza ‘a tutte parte. ‘O Munaciello s'era miso ‘a scazzetta nera! Ogni notte e ogni matina era ‘a stessa storia. Marito ‘e mugliera nun sapevano cchiù che fa! Gira e vota, vota e gira se rassignareno e pensareno ‘e cagnà casa, truvareno ‘na casa nova nova abbascio Pelegna e accussì tutte cuntente pigliareno ‘na carretta e carrecareno tutta ‘ a robba ca teneveno e cuntente e priate s'abbiareno a capa abbascio a' jì a Pelegna. Ma quanno fujeno sotto ‘o Piennolo (frazione Pendolo) pe' ttramente ca ‘o marito teneva ‘a carretta, sentettero ‘na voce. ‘O Munaciello assettato ‘ ncoppa a ‘na seggia, c' ‘o cantero (vaso da notte) ‘mmano, cantava: «E mo' ce ne jammo â casa nova. E mo' ce ne jammo â casa nova. E mo' ce ne jammo â casa nova». ‘O munaciello era tutto cuntento.

Nota dello scrittore

Finita la storia. Vi aggiungo che i giovani sposi non riuscirono a liberarsi del Monaciello, anzi il marito andò talmente in contrasto con lui da sfidarlo apertamente. Cosi finì che una notte, nella casa di Pelegna, il Monaciello arrabbiatissimo chiamò in aiuto altri suoi amici. Quindi, a mezzanotte in punto, si accese il lume e sui due sposi si abbatterono tante ma tante legnate da ridurli entrambi neri di lividi. Gli sposi raccontavano che malgrado la luce del lume non si vedevano i bastoni né chi li usava, ma i colpi si sentivano eccome. La soluzione fu che il giorno dopo gli sposi dovettero lasciare la casa, andando a vivere lontano. Quella casa, che qualcuno di voi conosce, non è stata più abitata.

Grazie a Teo Giunchiglia che mi ha trasmesso il racconto fatto da sua nonna Giovanna Maria D'Auria (1931) e alla signora Rita Fierro (1942), nativa di Gete, a cui il racconto è stato trasmesso da sua madre Giulia Citarella, detta "Mammarella", che ha ne ha fornito una versione piuttosto completa. Un pensiero affettuoso ad Alfonso Apicella, mio fraterno amico, morto nel 1991 e a cui piaceva tantissimo questa storia che spesso ci facevamo raccontare da suo padre "Aniello ‘o presutto" di Casa Santa, sempre a Gete. Sempre un grazie di cuore a Sigismondo Nastri, che si presta a correggere l'ortografia delle mie "avventurose" traduzioni in Tramontano... del secolo scorso.

©Gennaro Pesacane

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Storia e Storie

“Rebellum”: a Ravello il musical che narra la storia d'amore tra Marinella Rufolo e Riccardo Coppola

Ha aperto le scene con due "tutto esaurito", Rebellum - Storia di un amore eterno. Un musical magico ambientato nel 1300, dove la storia si intreccia col mito e la leggenda di racconti antichi. Il tutto condito da tanta musica che spazia dal pop-rock alla sinfonica, canzoni emozionanti, una colonna sonora...

Storia e Storie

Settantacinque anni fa l'Operazione "Avalanche", la guerra vista dalla grotta di Sant’Elena ad Amalfi

Di Sigismondo Nastri* Abitavamo nel cuore della Valle dei Mulini, all'ultimo piano del maestoso palazzo Anastasio, dove comincia a inerpicarsi la strada pedonale che conduce a Pontone, Minuta e Scala. Per noi l'accesso non era dal cancello centrale che immetteva ad una bella scalinata, arricchita da...

Storia e Storie

Gli antichi “castrum” di Fratta e Montalto a difesa del Ducato di Amalfi

In origine, la città di Ravello dovette poter contare su una difesa verso le montagne costituita dalla prima fase del castrum di Fracta (con le torri distrutte dai Pisani nel 1137) e da un muro che le foto aeree testimoniano e che doveva andare a definire come zona protetta solo la propaggine immediatamente...

Storia e Storie

Villa Guariglia a Raito: la storia del palazzo nobiliare che affaccia su tutta Vietri sul Mare

Fastosa ed elegante, Villa Guariglia a Raito di Vietri sul Mare è il palazzo nobiliare per eccellenza del primo comune costiero. Un monumento ma anche un simbolo, soprattutto se si pensa alla storia culturale di quel Raffaele Guariglia, proprietario dell'immobile nonché ambasciatore d'Italia - dell'Ordine...

La cultura in Costiera Amalfitana passa per il Ravello Festival edizione 2018 Antica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana