Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 ore fa S. Vittorio martire

Date rapide

Oggi: 21 maggio

Ieri: 20 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi NewsAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa Costa d'Amalfi le nostre specialità direttamente a casa vostra Hotel Santa Caterina Amalfi - The Luxury experience on The Amalfi Coast Lo shop on line dell'Antica Pasticceria Pansa di Amalfi dal 1830 il dolce della Costiera Amalfitana

Amalfi News

Pasticceria Pansa Costa d'Amalfi le nostre specialità direttamente a casa vostra Hotel Santa Caterina Amalfi - The Luxury experience on The Amalfi Coast Lo shop on line dell'Antica Pasticceria Pansa di Amalfi dal 1830 il dolce della Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Storia e StorieLa Carta d’Identità di Vincenzo Galani maître del ristorante "La Sponda" di Positano*

Storia e Storie

Sirenuse Journal

La Carta d’Identità di Vincenzo Galani, maître del ristorante "La Sponda" di Positano*

da 37 anni lavora in uno degli alberghi più prestigiosi del mondo

Scritto da (admin), domenica 8 aprile 2018 09:49:26

Ultimo aggiornamento domenica 8 aprile 2018 10:38:06

Nato a: Praiano, il 22 novembre 1960
Lavoro: Maître, ristorante La Sponda, Le Sirenuse
Lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, un po' di tedesco
Famiglia: sposato da trent'anni (sua moglie è argentina, si sono incontrati a Mar de Plata). Ha due figli, uno al liceo, l'altro uno studente di giurisprudenza.
Interessi: scrivere poesie, pescare e coltivare il suo piccolo orto.

La sua lunga collaborazione con Le Sirenuse
Ho iniziato a lavorare nell'ospitalità quando avevo 13 anni in una piccola guest house locale. Ho imparato il mestiere in posti vicini a casa come il Tritone e il San Pietro, poi a Montreux, in Svizzera. Avevo solo 21 anni quando tornai in Costiera Amalfitana per lavorare a Le Sirenuse. Ho conosciuto la generazione precedente, i quattro fratelli che avevano trasformato la loro casa in un hotel negli anni '50: Aldo, Paolo, Anna e Franco. Erano personaggi di una commedia di Edoardo De Filippo, meravigliosi aristocratici napoletani all'antica. Una cosa che ricordo chiaramente del marchese Aldo: era molto superstizioso. Aveva l'abitudine di "toccare ferro" per tutto il tempo. Così ho iniziato la mia avventura e mi sono fatto strada. Sono stato chef de rang, sommelier, secondo maître. Quando sono diventato maître, Antonio Sersale era appena diventato direttore dell'hotel dopo suo padre, il Signor Franco. Ho imparato molto da lui.

La sua giornata lavorativa
Non ho orari fissi: tengo d'occhio il ristorante per tutto il giorno, a colazione, pranzo e cena. Rispondo a lettere ed e-mail, aiuto con le prenotazioni, all'esigenza servo il vino, dato che sono allenato anche come sommelier. Insomma faccio qualsiasi cosa ci sia bisogno di fare.

Sulla sua poesia
Scrivo poesie da parecchi anni ormai. Molte di loro sono in dialetto napoletano. A volte le recito quando l'ospite la richiede e non è raro, di sera, trovarmi a cantare canzoni della tradizione popolare con i nostri artisti della posteggia napoletana (chitarra e mandolino). Capita che le poesie vengano da me di notte. Se il mio telefono è accanto al mio letto, lo utilizzo per scrivere rapidamente, poi le sistemo al mattino. Mi piace cercare le foto a cui allegare le mie poesie quando le condivido su Facebook o Instagram (@upoeta). Forse la mia vena poetica ha qualcosa a che fare con dove vivo: si tratta di affrontare 200 gradini, nella parte di Praiano chiamata Capo Vettica, che regala una vista incredibile. Ogni giorno ti svegli e vedi Positano, Li Galli, Capri, e non sono mai le stesse, la luce cambia costantemente. Fa bene all'anima vivere in un posto come questo. Sono entrato nel mio orto l'altro giorno per raccogliere dei broccoli che avevo seminato e c'erano sette o otto coppie di bruchi che facevano l'amore sulle piante. Ne ho scritto un poema. Solo di recente un vecchio residente di Praiano che aveva scoperto i miei versi mi ha detto qualcosa che non sapevo: "Sei proprio come il tuo bisnonno, era anche lui un poeta".


Cosa serve per essere un buon maître

Passione e spontaneità: è essenziale avere una squadra dietro di te su cui fare affidamento; a volte si tratta solo delle persone giuste nel posto giusto, questo è ciò che fa la differenza. Inoltre, bisogna sempre prestare molta attenzione: anche quando canto una canzone napoletana tra i tavoli con i musicisti Franco e Andrea non smetto mai di osservare cosa sta succedendo nel ristorante. Puoi vederlo negli occhi di un ospite se qualcosa non va bene. Quindi, far vivere una bella esperienza ai nostri ospiti è fantastico. Tempo fa una coppia americana è venuta qui a pranzo l'altro giorno in motoscafo da Napoli. Sono stati con noi per circa quattro ore, apprezzando il cibo, il servizio, la vista, l'atmosfera. "Adesso è adorabile", dissi loro, "ma dovreste vederlo la sera quando tutte le candele sono accese: è magico!". Rientrarono all'Hotel Vesuvio a Napoli; il tempo di una doccia e di imbarcarsi nuovamente verso Positano, entrando nel nostro ristorante esclamando "Ciao Vincenzo! Siamo qui". Mai avrei immaginato che sarebbero ritornati! Il destino volle, poi, che proprio in quell'istante, uno dei migliori tavoli si liberasse...

Nu bicchiere e..vino

di Vincenzo Galani


Quante fantasie attorno a te

Parole grosse ed eleganti ppè te vulè

A me nun me importano tutt' sti cose

Frisco, tannico, o ch' sapè e rose

Io ti voglio comm' si fatto

Senza imbruoglio.. accumpagnan sto piatto

*Articolo tradotto dall'originale "Carta d'Identità: Vincenzo Galani, maître" pubblicato sul portale Sirenuse Journal (Clicca qui per l'articolo originale in lingua inglese, foto di Roberto Salomone)

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Storia e Storie

“'O Munaciello”: un’antica fiaba tramontana raccontata in dialetto da Gennaro Pesacane

‘O Munaciello era âuto tre parme (palmi), teneva ‘a capa longa ‘nu ‘nzirracchio (misura ottenuta estendendo pollice ed indice), era camuso (naso schiacciato e ricurvo in basso ma, a Tramonti "camuso" era spesso detto anche di chi aveva la progna) e' era pure zelluso (mancava di capelli a chiazze). Pe'...

Storia e Storie

15 maggio 1978: quarant'anni fa Beppe Saronni vinceva il Giro d'Italia a Ravello

Di Antonio Schiavo Correva, mai verbo fu più appropriato, l'anno 1978, nel bel mezzo di un mese di maggio tipicamente ravellese. Un cielo pennellato di azzurro intenso, graffiato appena appena da qualche cirro all'orizzonte che improvvisamente si trasformava in cumulone nero e ci scaricava addosso secchiate...

Storia e Storie

I mille anni della chiesa di San Giovanni del Toro: a Ravello resiste il fascino della storia

di Salvatore Amato Nel 2018, anno in cui ricorrono i duecento anni dalla soppressione della Diocesi, i centenari dell'elevazione a Basilica Minore dell'ex Cattedrale e della morte di fra Antonio Mansi, celebre figura del francescanesimo del primo Novecento, Ravello avrà la straordinaria opportunità di...

Storia e Storie

Il Belvedere Principessa di Piemonte a Ravello e la sua storia

Ravello è forse il borgo della Costiera Amalfitana più ricco di vedute mozzafiato. Niente spiagge ma ampie terrazze affacciate sul mare che consentono di vedere la costa dall'alto e rilassarsi al riparo dal caos. Un esempio di mirabile bellezza è il Belvedere Principessa di Piemonte, che continua ad...

Antica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana