Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 ore fa S. Vittorio martire

Date rapide

Oggi: 21 maggio

Ieri: 20 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi NewsAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa Costa d'Amalfi le nostre specialità direttamente a casa vostra Hotel Santa Caterina Amalfi - The Luxury experience on The Amalfi Coast Lo shop on line dell'Antica Pasticceria Pansa di Amalfi dal 1830 il dolce della Costiera Amalfitana

Amalfi News

Pasticceria Pansa Costa d'Amalfi le nostre specialità direttamente a casa vostra Hotel Santa Caterina Amalfi - The Luxury experience on The Amalfi Coast Lo shop on line dell'Antica Pasticceria Pansa di Amalfi dal 1830 il dolce della Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Storia e Storie15 maggio 1978: quarant'anni fa Beppe Saronni vinceva il Giro d'Italia a Ravello

Storia e Storie

15 maggio 1978: quarant'anni fa Beppe Saronni vinceva il Giro d'Italia a Ravello

Scritto da (mariaabate), martedì 15 maggio 2018 17:43:08

Ultimo aggiornamento martedì 15 maggio 2018 17:47:03

Di Antonio Schiavo

Correva, mai verbo fu più appropriato, l'anno 1978, nel bel mezzo di un mese di maggio tipicamente ravellese. Un cielo pennellato di azzurro intenso, graffiato appena appena da qualche cirro all'orizzonte che improvvisamente si trasformava in cumulone nero e ci scaricava addosso secchiate d'acqua in un sottofondo di tuoni che un tecnico delle luci bizzarro intervallava da lampi e fulmini tra le montagne. Una trubbea, per capirci.

Quel 15 maggio, però, il Gran Pittore aveva l'ispirazione giusta. D'altra parte, Ravello era già in gran spolvero, colorato di rosa per un evento che aspettavamo da mesi, da quando cioè la Gazzetta dello Sport aveva annunciato che una tappa del Giro d'Italia si sarebbe conclusa proprio in Piazza Vescovado.

Si trattava di una tappa in linea (Benevento-Ravello) con il primo arrivo in salita della corsa.

Niente a che vedere, chiaramente, con le Tre Cime di Lavaredo o la Cima Coppi ma comunque un bell'impegno al termine di un percorso lungo tant'è che, il giorno dopo, molti corridori, memori dell'acido lattico accumulato nei 5 chilometri da Castiglione, dedicarono un accorato "vaffa" alla nostra cittadina e alla sfibrante pendenza della strada.

Lo striscione del traguardo, posto tra Casa Sorrentino e uno dei pini della piazza, fu tagliato per primo da Beppe Saronni (che poi arrivò a Milano in maglia rosa) fra due ali di folla plaudente (adesso sembro quasi lo speaker di un cinegiornale "Luce") tra cui molti di noi interessati, oltre che alla gara, anche alle due sventole che, come in ogni giro che si rispetti, consegnavano maglie di vari colori e fiori ai vincitori e, contemporaneamente , ammiccavano ai ragazzi del luogo in pieno picco ormonale.

Ricordo - allora gli smartphone non erano nemmeno nella mente di Giove - che papà mi prestò una cinepresa 8 mm con cui ripresi le ultime fasi della tappa, le interviste di Giorgio Martino e dell'indimenticabile Adriano De Zan, i corridori in fila per l'estemporanea sala antidoping a Palazzo Cicalese.

Mi son fatto riversare quei fotogrammi muti, sgranati e al rallentatore su più moderni DVD e, ogni tanto, quando mi prende una botta di malinconia, me li riguardo e mi sembra di rivivere le sensazioni di quella giornata, travolto dall'entusiasmo di avere vicini tanti campioni, di ammirare le ammiraglie ricoperte dai simboli degli sponsor e le vere biciclette da corsa fino ad allora viste solo in televisione o sui giornali.

E, in fondo, riscoprirsi ingenuamente innamorati di una delle due miss, sognando ad occhi aperti di essere al posto di Saronni.

Non certo per la maglia del primo in classifica...

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Storia e Storie

“'O Munaciello”: un’antica fiaba tramontana raccontata in dialetto da Gennaro Pesacane

‘O Munaciello era âuto tre parme (palmi), teneva ‘a capa longa ‘nu ‘nzirracchio (misura ottenuta estendendo pollice ed indice), era camuso (naso schiacciato e ricurvo in basso ma, a Tramonti "camuso" era spesso detto anche di chi aveva la progna) e' era pure zelluso (mancava di capelli a chiazze). Pe'...

Storia e Storie

I mille anni della chiesa di San Giovanni del Toro: a Ravello resiste il fascino della storia

di Salvatore Amato Nel 2018, anno in cui ricorrono i duecento anni dalla soppressione della Diocesi, i centenari dell'elevazione a Basilica Minore dell'ex Cattedrale e della morte di fra Antonio Mansi, celebre figura del francescanesimo del primo Novecento, Ravello avrà la straordinaria opportunità di...

Storia e Storie

Il Belvedere Principessa di Piemonte a Ravello e la sua storia

Ravello è forse il borgo della Costiera Amalfitana più ricco di vedute mozzafiato. Niente spiagge ma ampie terrazze affacciate sul mare che consentono di vedere la costa dall'alto e rilassarsi al riparo dal caos. Un esempio di mirabile bellezza è il Belvedere Principessa di Piemonte, che continua ad...

Storia e Storie

Le scene della principessa Sissi a Villa Cimbrone: quando Ravello “interpretava” Corfù

Ricordate i film sulla vita della principessa diventata poi imperatrice d'Austria, Elisabetta di Baviera? Le pellicole offrono una versione edulcorata e romantica della vita di Sissi, dal fidanzamento ai primi anni di matrimonio, e molte sono le imprecisioni o le inesattezze storiche relative alla vita...

Antica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana