Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa B. Vergine del Carmelo

Date rapide

Oggi: 16 luglio

Ieri: 15 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Amalfi NewsAmalfi News Costiera Amalfitana

Il Magazine della Costa d'Amalfi

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi Ravello Festival edizione 2018, il fascino della cultura in Costa d'Amalfi

Amalfi News

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi Ravello Festival edizione 2018, il fascino della cultura in Costa d'Amalfi

Tu sei qui: Economia e TurismoLo Sfusato amalfitano: il viaggio di “Geo” tra i terrazzamenti di limoni di Luigi Aceto

Economia e Turismo

Lo Sfusato amalfitano: il viaggio di “Geo” tra i terrazzamenti di limoni di Luigi Aceto

Scritto da (mariaabate), sabato 28 aprile 2018 15:34:09

Ultimo aggiornamento lunedì 30 aprile 2018 20:44:04

Di Maria Abate

«Io sono stato concepito sotto i limoni, spesso mi dicono che nelle mie vene scorra succo di limone, anziché sangue, visto l'affetto che nutro verso questo frutto!», dice così l'energico "Giggino" alle telecamere di Geo, in un servizio di Alessandra Populin andato in onda ieri, 27 aprile, su Rai Tre.

Luigi Aceto, 83 anni, si dedica da una vita alla coltivazione dello Sfusato Amalfitano e ha insegnato ai suoi figli a fare lo stesso, trasmettendo loro la sua stessa passione. Perché il limone è per davvero l'oro della Costiera: aiuta a consolidare il terreno scosceso dei Monti Lattari, è "medicina" per diversi fastidi (come mal di gola o il vomito), disinfetta naturalmente pelle e superfici, arricchisce i piatti della cucina mediterranea, e costituisce una fonte di reddito importante per i contadini e i rivenditori.

«Noi sappiamo che custodiamo un patrimonio che appartiene all'Umanità, non appartiene solo a noi», dichiara, consapevole dell'importante ruolo che i "contadini volanti" - per dirla con un'espressione coniata da Flavia Amabile - svolgono nella salvaguardia del fragile territorio della Costa d'Amalfi. Se non fosse per il loro lavoro, fatto di innumerevoli sacrifici, i terrazzamenti della Divina sarebbero abbandonati a sé stessi, le macere crollerebbero e le frane - già tanto frequenti - sarebbero all'ordine del giorno.

Nel video - che mostra una tipica giornata di lavoro nei giardini di Amalfi - si vedono Giggino e i suoi infaticabili aiutanti arrampicarsi per i gradini e sui tronchi degli alberi di limoni, mentre potano le piante e costruiscono le impalcature di "pertiche" (pali di legno) che, nella stagione fredda, difendono i frutti dagli agenti atmosferici. Oltre alle difficoltà dovute alla conformazione geologica del territorio, che non permette l'utilizzo di macchinari industriali e costringe a un duro lavoro manuale, il servizio mostra anche i danni causati dal "malsecco", un fungo che danneggia le piante di limone e che mette a dura prova i contadini. Le piante infette devono essere bruciate per evitare che contamino tutto il limoneto.

In un posto così incontaminato, anche i legacci sono fatti di materiale organico: Luigi mostra al cameramen come ricavare uno "spago" per ancorare i rami delle piante di limone alle pertiche senza danneggiarle, attraverso i salici, che vengono messi a seccare per essere utilizzati durante tutto l'anno. L'unico sistema più "meccanizzato" è la carrucola, che porta a valle le cassette di limoni evitando il trasporto a spalla in alcuni tratti più scoscesi.

La Costiera, infatti, è un "paese in verticale" e l'esempio più pregnante lo fornisce Nocelle, caratteristica frazione di Positano fatta interamente di scalini. Da qui parte il Sentiero degli Dei, che - a strapiombo sul mare - costituisce uno dei tracciati più belli per gli amanti del trekking. Il Sentiero attraversa vari borghi della Costa, tra cui Praiano, dove Giovanni Scala ha trovato un modo particolare per vivere. È un affermato liutaio, conosciuto ed apprezzato ben oltre i confini della Costiera amalfitana, nonostante lavori in un "posto nascosto".

E dopo questa breve escursione, le telecamere ritornano nei giardini di Aceto, che descrive la bellezza del suo lavoro: «Li vedo nascere, crescere, li raccolgo, li curo. Questo è un fenomeno della natura, i limoni sono la mia vita!», dice con l'emozione negli occhi e nella voce.

Guarda il video in basso

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Ultimi articoli in Economia e Turismo

Economia e Turismo

Le trame di Vietri sul Mare nella nuova collezione Dolce&Gabbana “I love Maiolica”

Non è la prima volta che il brand di lusso Dolce&Gabbana si ispira alla Costiera Amalfitana per le fantasie delle sue collezioni. Se nel 2016 fu la cartolina di Amalfi la stampa che ornò gli abiti della collezione primavera/estate "Italia Is Love", stavolta sono state le maioliche di Vietri sul Mare...

Economia e Turismo

Maiori protagonista a Uno Mattina Estate su Rai1 /Video

Maiori e la Costa d'Amalfi tornano protagoniste in TV con un servizio in onda su Rai 1 durante il programma Uno Mattina Estate del 26 giugno scorso. All'interno della rubrica Borghi d'Italia, l'inviato Fabrizio Rocca, ha intervistato l'imprenditore immobiliare Sergio Rivolta Lippo all'interno della bellissima...

Economia e Turismo

Marina Grande di Positano è la spiaggia più fotografata d’Europa su Instagram

Positano si conferma ogni giorno che passa meta prediletta dei turisti. Nella classifica delle 10 spiagge d'Europa più fotografate al mondo dai fotografi professionisti o amatoriali, stilata da Foxlife,Marina Grande di Positano è al primo posto con ben 1.118.461 scatti su Instagram e Facebook. Ecco come...

Economia e Turismo

Limoni, vigneti e paesaggi mozzafiato: il viaggio della conduttrice TV Penny Smith in Costiera Amalfitana

Parla del limoncello minorese, della carta d’Amalfi, del belvedere di Ravello e del Tintore di Tramonti la presentatrice TV inglese Penny Smith in un articolo pubblicato il 23 giugno scorso sulla versione online del "Daily Mail". Il suo è stato un viaggio intenso ed avvincente, alla scoperta di tutte...

La cultura in Costiera Amalfitana passa per il Ravello Festival edizione 2018 Antica Pasticceria Pansa Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana